Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Approfondimenti > Realtà virtuale in un ambiente 3D

Realtà virtuale in un ambiente 3D

06 giugno, 19:28

La realtà virtuale immersiva è una tecnologia in grado di creare un senso di assorbimento e "immersione" sensoriale in un ambiente tridimensionale.

Per "immersività" si intende la presenza dell'ambiente virtuale realizzato tutto intorno ai partecipanti e non soltanto in uno schermo posto di fronte a loro. Di solito questa sensazione di ‘immersione’ viene generata mediante: un dispositivo di visualizzazione, solitamente uno speciale visore o degli occhiali 3D con schermi multipli, capaci di visualizzare a tre dimensioni una simulazione virtuale elaborata da un computer, e, nel caso di prodotti interattivi (i più sofisticati) da sensori che rilevano i movimenti dell’utente e li trasmettono al computer.

La rivelazione della posizione dell’utente permette di modificare l’immagine tridimensionale in base agli spostamenti e al punto di vista dell’utente in modo da creare un’interazione con i contenuti visualizzati. Negli ambienti virtuali immersivi più sofisticati le immagini sono realmente ‘volumetriche’ e l’utente può spostarsi per vedere l’oggetto da più angolazioni e può persino girare intorno ad esso e guardarlo dall’alto e dal basso. Le applicazioni di tale tecnologia possono essere: industriali, di simulazione, ludiche, di intrattenimento, di divulgazione e questa tecnologia può essere collegata anche a sistemi di sorveglianza per applicazioni di sicurezza o di telecontrollo.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati