Villanovaforru,2 sagre con piatti tipici

Il 14 e 15 con "Mestieri, saperi e sapori del passato"

Mestieri, saperi e sapori del passato e due prelibatezze, la "simbua frita cun satitzu" e il "cixiri cun peis de procu". Le pietanze tipiche di Villanovaforru saranno protagoniste della manifestazione in programma nella cittadina tra le colline della Marmilla, sabato 14 e domenica 15 settembre. Due giornate tra esposizione di prodotti tipici, laboratori didattici, mostre, artigiani all'opera, spettacoli e le due sagre dedicate ai due piatti.

Il primo, riconosciuto nel 2018, dal Ministero delle Politiche Agricole italiano come prodotto agro-alimetare tradizionale della Sardegna, è a base di semola grossa di grano duro, ciccioli di carne e lardo di maiale e salsiccia semi stagionata. "Simbua frita cun satitzu" che viene celebrata con una sagra dedicata per la 23/a volta è chiamata "polenta di grano" perché, a cottura ultimata, presenta la stessa consistenza della polenta.

La seconda sagra in programma, quella riservata ai "ceci con piedi di maiale", giunge alla nona edizione e si svolgerà sabato 15 a partire dalle 19. Sabato alle 17 si potrà assistere a "Cibo per tutti e cibo per gli dei", un laboratorio di ceramica e decorazione del pane a cura di Francesca Piu, A.Cu.A.S. e Ceramiche Pulli. Spazio anche all'incontro sul tema "Mangiare e bere nel periodo punico in Sardegna e non solo".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere