Sardegna teatro, un mare di produzioni

L'istituzione gestisce Massimo di Cagliari e Eliseo di Nuoro

Redazione ANSA

Riconosciuto dal Mibact Teatro di Rilevante Interesse Culturale, Sardegna Teatro è diretto dal 2015 da Massimo Mancini. L'istituzione ha ereditato l'esperienza di oltre 40 anni di attività del Teatro di Sardegna, compagnia che ha scritto importanti pagine di storia del teatro dell'Isola. Attualmente gestisce due poli culturali che incidono sul territorio: i teatri Massimo di Cagliari e Eliseo di Nuoro.

Le produzioni sono incentrate sulla drammaturgia contemporanea prediligendo la valorizzazione dei lavori di autori e realtà del territorio isolano: " Cento" di Michela Murgia, "Quasi Grazia" di Marcello Fois, "Nord Nord Ovest" di Meridiano Zero sono alcuni degli esempi. Punto di forza di Sardegna Teatro é anche l'attenzione a giovani artisti e compagnie emergenti e alle diverse forme espressive.

Centro di produzione e di confronto culturale, è attivo nella promozione di sinergie da cui nascono importanti reti multidisciplinari, come ad esempio il progetto 10 nodi, i festival d'autunno a Cagliari. Sardegna Teatro guarda allo stesso tempo alla scena e alla cultura europea e contemporanea filtrate dalla lingua e dalla cultura dell'Isola: "Macbettu" di Alessandro Serra, rilettura in sardo della tragedia shakespeariana, o "Esodo" di Valentino Mannias, tributo a Sergio Atzeni. A ciò si lega una particolare attenzione ai temi che affondano nel presente con "La vita ferma" di Lucia Calamaro, "Human" con Marco Baliani e Lella Costa, "Il cielo non è un fondale" di Deflorian/Tagliarini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in