Coronavirus:patto Regione-sindacati, terapia socio-economica

Coordinamento per monitorare lavoro e sostegno a colf e badanti

C'è la firma sull'accordo quadro per la cassa integrazione in deroga, il supporto a figure lavorative come stagionali e colf non considerate nel Cura Italia e per l'istituzione di un coordinamento presso la presidenza della Regione con l'obiettivo di monitorare le condizioni di lavoro nelle aziende ancora in attività. A sottoscriverlo con la Regione e il direttore dell'Inps, i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, poi Confsal, Ugl e Usb. E le parti datoriali: Confindustria, Abi Sardegna, Confapi, Legacoop, Confcooperative, Angci Sardegna, Uci, Cna, Confartigianato, Casartigiani, Claai Sardegna, Confcommercio, Confesercenti, Coldiretti, Cia, Copagri, Confagricoltura, Confprofessioni, Confservizi, Unicoop e Uecoop.

I DETTAGLI DELL'INTESA - Prevede l'accordo sulla cassa integrazione in deroga e aiuti per le categorie di lavoratori non comprese nel Cura Italia. Ma soprattutto il coinvolgimento dei sindacati nella gestione dell'emergenza sanitaria: sarà istituito in presidenza, infatti, un coordinamento (ne fanno parte sindacati, Prefettura, Anci) delle attività di monitoraggio sulle condizioni di lavoro al quale potranno essere segnalate situazioni critiche, e una sede di confronto permanente sull'emergenza. Un punto questo che nell'ultima videoconferenza con le parti coinvolte ha fatto storcere il naso a Confindustria, ma alla fine ha firmato.

Per il resto, Regione, parti sociali e datoriali e forze produttive hanno sottoscritto un documento che secondo il presidente della Giunta Christian Solinas rappresenta "una terapia economico-sociale per l'Isola". In generale l'ammortizzatore in deroga, come annunciato dal segretario generale della Cgil Michele Carrus, "sarà a maglie più larghe e caratterizzato da procedure molto snelle". La vera novità è l'attenzione per chi non trae alcun beneficio dai provvedimenti del governo, come i lavoratori stagionali e le colf o badanti.

Per i primi la Regione si impegna a corrispondere un'indennità a chi fa apposita domanda all'Aspal. Il requisito per la concessione è l'esistenza di un lavoro subordinato a termine non rinnovato a causa dell'emergenza coronavirus. Per colf e badanti che ugualmente non hanno potuto lavorare nel periodo dell'emengenza la Regione si impegna a corrispondere un'indennità di 600 euro. Per i collaboratori e collaboratrici familiari che siano retribuiti con il sistema dei voucher, si farà riferimento al mancato utilizzo nel mese di marzo per autorizzare l'erogazione per un massimo di 600 euro.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie