Nuoro, sindaco uscente si candida al bis

Unico capoluogo sardo in voto 2020, mano tesa a C.sinistra e M5s

Il sindaco uscente di Nuoro Andrea Soddu scioglie la riserva e si ricandida per governare la città, unico capoluogo in Sardegna che va al rinnovo per le amministrative 2020. In una lunga intervista al quotidiano La Nuova Sardegna, Soddu, avvocato di 45 anni, sposato e padre di tre figli, spiega la sua decisione di riproporsi per il bis mettendosi a capo di una lista che punta ad unire i progressisti. Una decisione molto attesa quella dell'attuale sindaco, che nel 2015 aveva fatto il pieno di voti con una lista civica di rottura col centrosinistra - che per più di 20 anni ha governato la città - ma che nell'ultimo anno si è avvicinato al Pd, con la candidatura nelle file dei dem alle Europee del 2019.

"Ho deciso di ricandidarmi dopo averne parlato con la mia famiglia, con la cerchia di amici e con il movimento 'Scegliamo Nuoro' che mi ha accompagnato in questi anni - spiega Soddu - Nelle elezioni del 2015 volevamo portare una ventata nuova alla città. Resta fermo che il Pd è la più grande comunità politica del centrosinistra". "Mi sento di appartenere profondamente alla famiglia dei socialdemocratici europei - chiarisce - ed è in questa ottica che mi sono candidato come indipendente del centrosinistra alle Europee del 2019".

Si attendono ora le mosse degli alleati, che potrebbe non gradire la fuga in avanti del sindaco visto che da più parti si invocano le primarie per decidere il prossimo candidato di coalizione: sono già pronte le candidature di Francesco Guccini, ex assessore di Sel, e di Francesco Manca, vicino al consigliere regionale del Pd Roberto Deriu. Soddu tende la mano anche al M5s che conta una sola consigliera in Municipio. "Anche le forze politiche giovani come i cinquestelle - argomenta - possono contribuire alla declinazione politica e concreta dell'amministrazione comunale". E punta a riproporre lo schema vincente di Stefano Bonaccini in Emilia Romagna: "Il mio è un contributo umile alla costruzione di uno schieramento ampio di centrosinistra, pragmatico, che non abbia paura del centrodestra".

PD, BENE SODDU ORA PRIMARIE COALIZIONE - "E' positiva la decisione del sindaco Andrea Soddu di ricandidarsi e di farlo nell'area progressista. Ci auguriamo che si sottoponga alle primarie, così come ha deciso il tavolo del centrosinistra dopo un lavoro di costruzione unitario lungo mesi". Lo dichiara all'ANSA Michele Piras, rappresentante del Pd al tavolo della coalizione che vede la presenza di esponenti Dem, Articolo 1 (che ha già candidato alle primarie Francesco Guccini), Centro Democratico, Partito Socialista, Italia Viva, Fare Comunità (pronta a far correre Francesco Manca, vicino al consigliere regionale del Pd Roberto Deriu), Nuoro Attiva e le tre liste che hanno sostenuto Andrea Soddu in questa legislatura: Ripensiamo Nuoro (fondata dallo stesso Soddu), Italia in Comune e Veranu. Resta fuori la lista Progetto Nuoro 20.25, capeggiato da Lisetta Bidoni, che ha deciso di correre da sola. "Abbiamo iniziato il processo di costruzione unitaria con molta fatica e grande capacità di mediazione - sottolinea Piras - per lunedì 17, alle 18.30, il tavolo è riconvocato per decidere la data delle primarie, per adottare il regolamento e nominare il comitato garanzia. E' invitato anche Soddu e vorremmo con noi anche gli esponenti del M5s. Lavoreremo per evitare di spaccarci in tre tronconi, visto che c'è già la lista Progetto Nuoro che andrà in solitario. E' questa una eventualità da scongiurare, il rischio è di consegnare il Comune al centrodestra".

M5S CORRERA' DA SOLO, "SODDU INCOERENTE" - "Nessuna alleanza con alcun partito del centrosinistra, né con una eventuale lista civica di Andrea Soddu, che si è rivelato incoerente candidandosi nel 2015 in rottura col Pd e poi assorbendo le dinamiche della vecchia politica, fino a diventare capolista dem nelle scorse Europee. Correremo con una lista autonoma". E' un rifiuto netto quello della consigliera comunale di Nuoro del M5s, Mara Sanna, alla mano tesa del sindaco uscente Andrea Soddu, che oggi ha annunciato la sua ricandidatura puntando ad una coalizione che ricalca lo schema del governo nazionale. In un colloquio con l'ANSA, l'esponente pentastellata chiarisce: "Abbiamo appena finito di scrivere il programma e stiamo ragionando sui nomi dei candidati a sindaco. Per noi - annuncia Sanna - l'unica possibilità di alleanze può essere nei confronti di liste civiche, sicuramente non quella di Soddu. Quanto ai partiti dico che il quadro politico nazionale non è replicabile perché quell'alleanza è stata guidata da altre dinamiche". Se ne saprà di più il 29 febbraio prossimo, quando il Movimento, riunito a Tramatza (Oristano), deciderà come muoversi in tutti i Comuni chiamati al voto in primavera in Sardegna per le amministrative.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie