Lirico: applausi al via Stagione Concerti

Grande serata tra Beethoven e Ravel, in platea il sindaco Truzzu

Si è aperta con un grande concerto la nuova Stagione del Teatro Lirico di Cagliari, accompagnata dagli applausi la serata che ha inaugurato il cartellone 2020. Presente in sala accanto al sovrintendente Nicola Colabianchi, anche Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari e presidente della Fondazione Teatro Lirico. Il primo cittadino ha sottolineato "il piacere di assistere alla prima con uno straordinario spettacolo, in una delle perle della città, il Teatro Lirico, importantissimo per la vita culturale e sociale di Cagliari".

Raffinato il programma che ha accostato Beethoven con la Fantasia corale op. 80 e Ravel, alla sinfonia coreografica Daphnis et Chloé, nella versione integrale. Un "vasto affresco musicale" restituito in tutta la sua ricchezza dalla bellezza dei colori delle percussioni, dalla virtuosità delle prime parti, su tutte il Primo flauto del Lirico di Cagliari, Riccardo Ghiani, nel bellissimo Solo. La serata si è aperta con Beethoven.

Interessante la performance del cast dei giovani solisti, il soprano Ilaria Vanacore e il baritono Matteo Loi, cagliaritani, al loro esordio sul palco del Lirico, il soprano di San Sperate Elena Schirru, il mezzosoprano sassarese Lara Rotili, il tenore turco Murat Can Güvem e il tenore lombardo Andrea Galli. Interpretazione classica, precisa e puntuale per il pianista veneziano Alessandro Taverna, tra i più acclamati della sua generazione e già applaudito a Cagliari lo scorso febbraio e che ha strappato entusiastici applausi. Taverna ha concesso il bis con la fuga di Max Reger su un tema di Teleman, dove ha potuto dare prova del suo noto virtuosismo.

Una serata di grande musica e bellezza con una garanzia: sul podio Donato Renzetti, direttore dalla consolidata esperienza e dal gesto preciso e unico. E un'intesa e affiatamento sempre più intensi con Orchestra e Coro del Lirico. Coro e Orchestra che hanno dato grande prova anche in un momento drammatico segnato dalla prematura scomparsa, avvenuta ieri, dello stimato collega, il contrabbassista Omero Bandinu, a cui è stata dedicata l'inaugurazione e un minuto di raccoglimento.

"Sono molto soddisfatto dell' ottima prova che stanno fornendo le masse del Teatro Lirico, così perfettamente amalgamate e guidate, in un programma bello, accattivante ma così impegnativo", ha detto all'ANSA il sovrintendente Colabianchi.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere