Emergenza acqua: M5s, superficialità

Capogruppo accusa, "ci si affida all'improvvisazione"

(ANSA) - SASSARI, 6 DIC - "Improvvisazione e superficialità".
    Sono le accuse che la capogruppo del M5S in Consiglio regionale, Desirè Manca, rivolge contro Enas e Abbanoa in merito alla situazione che si sta vivendo nel nord ovest dell'isola, dove a causa della rottura di una condotta dell'Enas, circa 150mila persone restano da tre giorni con i rubinetti a secco.
    "Le condotte si possono rompere, certo, ma ci domandiamo - sostiene Manca - se per un guasto ad un condotta ci volessero trenta giorni per la riparazione, i cittadini rimarrebbero un mese senza acqua? Esiste un piano di emergenza in caso di rottura delle condotte? I fatti ci dimostrano di no, nessuna interconnessione delle reti e nessuna programmazione".
    "Ci si affida all'improvvisazione, alle poche autobotti che da sole - prosegue l'esponente sassarese del M5s - non sono certo in grado di sopperire a tutte le necessità dei cittadini.
    Zone di serie A e zone di serie B, le prime prive di disagio, le seconde completamente a secco da tre giorni".
    "Un problema che doveva essere affrontato e risolto anni fa ma, come dimostrato, la programmazione è un vocabolo sconosciuto ai vertici di Abbanoa e anche all'Ente Acque della Sardegna", conclude Manca. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere