Le origini della Street Art a Cagliari

"Made in New York" con le opere di Keith Haring e Paolo Buggiani

Keith Haring e Paolo Buggiani, un'insolita coppia sbarca a Cagliari sullo sfondo della New York dei primi anni Ottanta. L'italiano percepisce la genialità e il talento di Haring: collezionista ante litteram, stacca dai muri e, salvandole, conserva dell'americano una cinquantina di Subway drawings, le prime opere in gessetto realizzate sulle affissioni nere che coprivano le pubblicità scadute. Da questo contesto nasce "Made in New York. Keith Haring (Subway drawings) Paolo Buggiani e la vera origine della Street Art", mostra curata da Gianluca Marziani, patrocinata dal Comune di Cagliari e organizzata dal Consorzio Camù e da MetaMorfosi. La mostra rimarrà aperta sino al 22 marzo 2020 negli spazi di Exma Exhibiting and Moving Arts: presenta oltre 20 opere di Haring e oltre 30 pezzi di Paolo Buggiani. Sarà arricchita da attività didattiche per far entrare i visitatori nel mondo della Street art e scoprire l'arte di Haring e Buggiani, provando a creare un'interpretazione di fatti contemporanei.

L'esposizione analizza le origini di un movimento spontaneo che, da oltre quarant'anni, anima pareti, strade, edifici e ogni superficie su cui gli artisti imprimono nuovi codici della visione. Tutto iniziò a New York sul finire degli anni Settanta, quando la metropoli statunitense era il crogiolo di moti generazionali come graffitismo, rap, skateboarding e break dance. Paolo Buggiani, toscano del 1933, da sempre con un piede in Italia e uno nella Grande Mela, accendeva l'antagonismo urbano tramite performance ad alto contenuto "politico". Keith Haring, alla fine dei Settanta, era un ragazzino sconosciuto che scendeva nelle stazioni della metropolitana e disegnava col gessetto sulle affissioni nere, le stesse che l'autorità affiggeva sopra le pubblicità scadute.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere