Al museo Maria Lai primo intervento Fai

Assegnati 24mila euro per il recupero del Muro del groviglio

Il primo intervento in Sardegna targato "I Luoghi del Cuore", promosso dal Fondo ambientale italiano (Fai) in collaborazione con Intesa Sanpaolo, assegna un contributo di 24mila euro a favore del Museo a cielo aperto "Maria Lai" di Ulassai.
    Il progetto si è classificato al 33/o posto della classifica nazionale (con 11.544 voti) dopo il bando del censimento promosso l'anno scorso dal Fai. Per la commissione che ha analizzato i progetti, il museo di Maria Lai "è un importante esempio di arte pubblica e sociale, avviato nel 1981 con la performance collettiva "Legarsi alla Montagna", prima opera di arte relazionale a livello internazionale, realizzata da Maria Lai".
    Tutto è partito dal Comitato "Luoghi d'arte, Museo a cielo aperto Ulassai" composto dai cittadini di Ulassai, con il supporto del Comune e dei volontari Fai in Sardegna, che si era attivato in occasione del censimento 2018 per portare all'attenzione dell'opinione pubblica la necessità di salvaguardia e valorizzazione delle molte opere all'aperto dell'artista che hanno bisogno di adeguati e tempestivi interventi conservativi, prima di finire danneggiate irreparabilmente. L'intervento si colloca all'interno di un progetto più ampio che sta portando avanti il Comune di Ulassai, per il recupero delle opere dell'artista.
    I fondi della Fai permetteranno il recupero del Muro del groviglio, una delle opere che con il tempo ha subito un processo di degrado,che sta provocando l'erosione delle superfici.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere