Sclerosi, senza cure nel nord Sardegna

Manca (M5s), 'potenziare strutture, servizi solo a Cagliari'

Potenziare le strutture esistenti e adottare i provvedimenti necessari per far sì che tutti i protocolli e i percorsi terapeutici della sclerosi multipla siano resi praticabili, con uniformità di trattamento, anche nel centro e nord Sardegna, dando così concreta attuazione al diritto di cura di tutti i malati sardi. E' quanto chiede la capogruppo del Movimento 5 stelle in Consiglio regionale, Desirè Manca, ricordando che l'Isola è l'area geografica più colpita al mondo da questa patologia.

Ogni 100mila abitanti sono 337 quelli afflitti da scelori multipla, a fronte di 193 nel resto d'Italia. Le donne sono colpite maggiormente rispetto agli uomini. "In Sardegna, però - denuncia l'esponente del M5s - è possibile beneficiare di tutte le principali tipologie di cura e delle cure sperimentali soltanto nelle strutture sanitarie di Cagliari. In tutti i presidi ospedalieri del resto dell'Isola le cure a disposizione sono molto limitate, questo nonostante le disposizioni dettate dalle più recenti leggi regionali improntate ad assicurare modelli organizzativi omogenei su tutto il territorio".

Per questi motivi Manca ha promosso una mozione - sottoscritta anche dei colleghi pentastellati Solinas, Ciusa, Li Gioi e dai consiglieri di minoranza e maggioranza Moro, Marras, Deriu, Ganau, Cocco, Salaris, Maieli, Piu, Piano, Satta, Sechi - che punta a ottenere che i protocolli di cura della sclerosi multipla siano diffusi in tutta la Sardegna. "Conosciamo le criticità della rete dei trasporti sardi e l'inadeguatezza della viabilità, per questo riteniamo fondamentale che ogni area della nostra regione, molto estesa geograficamente, sia coperta dai servizi di cura di una patologia per la quale la costanza nelle cure è un elemento fondamentale. Attraverso questa mozione intendiamo quindi impegnare il presidente della Regione e l'assessorato della Sanità ad adottare i provvedimenti necessari per far sì che tutti i protocolli e i percorsi terapeutici siano resi praticabili, con uniformità di trattamento, anche nel centro e nel nord Sardegna".

   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere