Processo uxoricidio Alghero,sit-in donne

Zia della vittima "ci aspettiamo solo giustizia non vendette"

Ergastolo per Marcello Tilloca, il 43enne algherese che il 23 dicembre dello scorso anno ha strangolato la moglie Michela Fiori, 40 anni. E' la condanna chiesta dal pm Mario Leo nella sua breve requisitoria, durata meno di un'ora, nel processo con rito abbreviato che si è aperto a Sassari davanti al Gup Michele Contini. L'udienza, che si svolge a porte chiuse, prosegue con le arringhe degli avvocati, tra cui quelli di parte civile, mentre all'esterno del palazzo di giustizia la Rete delle Donne ha organizzato un presidio contro la violenza di genere.

SENTENZA ATTESA IL 24 OTTOBRE - E' attesa per il 24 ottobre la sentenza del processo contro Marcello Tilloca, il 43enne algherese che il 23 dicembre dello scorso anno ha ucciso la moglie Michela Fiori. Questa mattina davanti al giudice Michele Contini si è aperto il processo con rito abbreviato, durante il quale il pm, Mario Leo, ha chiesto la condanna all'ergastolo per l'uxoricida, ricostruendo punto su punto la tragica vicenda sulla base delle prove raccolte e delle testimonianze registrate, senza neppure tenere conto della confessione dell'imputato.

Marcello Tilloca, che ha depositato ulteriori memorie difensive, ha assistito impassibile all'udienza, senza tradire la minima emozione. Poi la parola è passata agli avvocati delle parti civili, Gavinuccia Arca per l'associazione Rete delle Donne di Alghero, Marco Manca e Lisa Udassi per il fratello e la mamma della vittima, Luca Fiori e Giuseppina Grasso. I legali di parte civile hanno chiesto il massimo della pena per Tilloca, evidenziando da una parte l'assoluta mancanza di pentimento da parte dell'imputato, e dall'altra la gravità sociale dei femminicidi e in generale delle violenze sulle donne, ritenuti crimini contro l'umanità. Le parti civili hanno chiesto anche un risarcimento di 30 mila euro, con una provvisionale immediata di 15 mila da versare interamente ai due figli minori della coppia, ora affidati alla nonna, a Genova. La gup ha rinviato al 24 ottobre per l'arringa dell'avvocato della difesa, Pietro Diaz, e per le eventuali repliche, prima di emettere della sentenza.

Il 23 dicembre del 2018, Tilocca ha strangolato con un laccio Michela, dipendente di una cooperativa che gestiva i servizi di assistenza domiciliare per conto dei servizi sociali del comune di Alghero. Dopo l'omicidio, è andato a prendere i figli di 11 e 13 anni, che al momento del delitto non erano in casa ma a giocare a calcio, e li ha accompagnati dalla sorella per poi presentarsi dai carabinieri insieme al suo avvocato per costituirsi, dicendo di aver ucciso la moglie nella casa in cui vivevano, in via Vittorio Veneto. La coppia stava affrontando una tormentata separazione, l'udienza in tribunale era fissata per il 15 gennaio. A novembre Michela aveva denunciato il marito al commissariato di polizia per tentata estorsione. Tilloca aveva rubato il cellulare al figlio e poi aveva chiesto il riscatto (300 euro) alla moglie. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l'uomo, che faceva dei lavori saltuari, aveva cominciato a giocare d'azzardo e la tentata estorsione aveva ulteriormente accelerato la decisione della moglie di separarsi.

PRESIDIO RETE DONNE - Nel giorno in cui si è aperto a Sassari il processo con rito abbreviato contro Marcello Tilloca, il 43enne algherese che il 23 dicembre dello scorso anno ha ucciso la moglie Michela Fiori, davanti al Tribunale l'associazione Rete delle Donne ha organizzato un sit-in per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della violenza contro le donne. La Rete chiede, inoltre, che Tilloca sia punito con una condanna esemplare. "Ci aspettiamo solo giustizia - commenta la zia di Michela Fiori poco prima dell'apertura dell'udienza che si tiene a porte chiuse - Non cerchiamo vendette ma solo giustizia. Per Monica e per tutte le donne. Bisogna fermare questa violenza che ogni giorno, ogni poche ore, sono vittime di atti di violenza".

La Rete delle donne di Alghero si è costituita parte civile, insieme con il fratello di Michela Fiori, Luca, e con la mamma Giuseppina Grasso, assistiti dai legali Marco Manca e Lisa Udassi. Tilloca è assistito dall'avvocato Pietro Diaz.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere