Stop mensa agenti carceri, buoni pasto

Caligaris (Sdr), in attesa del nuovo bando nei 10 istituti

 "Usufruiranno di un buono pasto di 7 euro, in attesa dell'espletamento del nuovo bando per la gestione della mensa dei dieci istituti detentivi della Sardegna, i circa mille agenti della Polizia penitenziaria che fruivano quotidianamente del servizio. Una soluzione tampone resasi necessaria per far fronte alla rescissione del contratto, peraltro in scadenza a giugno, con la ditta Marconi Group srl". Lo rende noto la presidente dell'associazione Socialismo Diritti Riforme, Maria Grazia Caligaris, sostenendo "la necessità di sopperire in tempi rapidi al grave disagio per gli agenti penitenziari, specialmente delle strutture di grandi dimensioni".

"La fruizione del buono pasto - sottolinea Caligaris - costerà all'amministrazione poco meno del doppio di quanto viene destinato alla spesa della mensa. Per il pasto giornaliero degli agenti infatti è previsto una spesa di 4,60 euro che moltiplicato per mille e per 365 giorni l'anno ammonta a 1 milione 679mila euro. Costi modesti per un servizio importante.

I tempi tuttavia per il ripristino delle mense dovrebbero essere relativamente brevi se sarà ritenuto adeguato il bando già predisposto in vista della scadenza del contratto in essere e se non nasceranno ricorsi. Altrimenti si dovrà aspettare un bel po'. Il nuovo contratto potrebbe aprire la strada all'ingresso nella mensa di prodotti sardi di qualità, come il pecorino, ma occorrerebbe - conclude Caligaris - uno sforzo finanziario maggiore da parte dell'amministrazione che potrebbe contribuire così a sostenere un settore in sofferenza in Sardegna".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere