Omicidio Manuel, "ecco come l'ho ucciso"

Verbali interrogatorio: "Disse, mi ha infamato lei"

"Mi ha infamato lei". Sarebbero queste le ultime parole di Manuel Careddu, il 18enne di Macomer, prima di essere ucciso da Christian Fodde, 20 anni di Ghilarza colui che per l'accusa ha materialmente compiuto l'omicidio l'11 settembre 2018. La Nuova Sardegna pubblica oggi stralci degli interrogatori dei ragazzi del branco, arrestati per il delitto del lago Omodeo. Lei è la minorenne, fidanzata con Fodde. Nel racconto di quest'ultimo davanti al procuratore di Oristano Ezio Domenico Basso, al sostituto Andrea Chelo e ai carabinieri, avvenuto a metà ottobre dopo l'arresto, il giovane ricorda di aver attirato in una trappola la vittima e poi colpito con una piccozza che aveva tenuto nascosta sotto la felpa. "Non urlava - confessa Fodde - Riccardo (Carta, ndr, uno degli arrestati) ha tenuto Manuel a terra, io ho chiesto a C. (il minorenne arrestato, ndr) di legarlo ma lui non l'ha fatto. Si è rifiutato, poi l'ho colpito con la pala che avevo preso dal cassone della moto Ape di Riccardo. L'ho colpito solo io, più volte, ho chiesto a C. di colpirlo ma non lo ha fatto".
    Poi il racconto continua, con i dettagli su come il cadavere è stato avvolto dentro un incerato e trascinato via sino a farlo sparire seppellito in un terreno. Una confessione - riporta La Nuova Sardegna - che contiene dichiarazioni diverse rispetto a quelle rilasciate dall'amico Riccardo Carta.
    Intanto un altro giovane, Nicola Caboni, coinvolto successivamente nelle indagini perchè aiutò il branco a nascondere il corpo, ha patteggiato una pena di quattro anni per soppressione di cadavere.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere