Latte: bloccato autotrasportatore

Blitz di quattro incappucciati nel Sulcis Iglesiente

di Fabrizio Fois

Un'altra giornata carica di tensione quella di ieri in Sardegna, vigilia del tavolo di filiera convocato oggi a Roma per cercare di chiudere un'intesa sul prezzo del latte ovino. Alla bozza siglata la settimana scorsa a Cagliari col ministro Centinaio, i pastori rispondono rilanciando: chiedono subito 80 centesimi al litro, contro i 72 proposti, per arrivare a un euro a fine stagione. Non solo: gli allevatori premono per una riforma dell'intero settore lattiero-caseario sardo, per garantire un prezzo stabile nel tempo, e considerano fallimentare l'azione di tutti i Consorzi di Tutela della Dop dei quali sollecitano l'azzeramento dei Cda. Nel frattempo le proteste, seppure non più sistemiche, continuano.

Ieri uovi blocchi stradali con autocisterne assaltate e ancora migliaia di litri di latte sversati. Inquietante l'episodio avvenuto a Torpè, nel Nuorese: un ordigno artigianale di alto potenziale, accompagnato da scritte "no voto per i pastori", è stato trovato inesploso in una struttura usata di norma dal Comune come seggio elettorale. Nel Sulcis, invece, quattro persone incappucciate hanno fermato un autotrasportatore che si apprestava a conferire il latte ai caseifici e lo hanno costretto a gettare il prodotto in strada. Altro latte buttato, questa volta con una manifestazione pacifica, sulla statale 131 Dcn (diramazione centrale nuorese): all'altezza di Posada un centinaio di pastori si è dato appuntamento per un simbolico sversamento di massa da un cavalcavia.

Dal centro al sud dell'Isola: presidi sulla statale 195, tra Cagliari e Pula, con sette chilometri di coda vicino alla raffineria Saras, poi latte e formaggi sono stati regalati agli automobilisti. Le proteste di questi giorni, soprattutto in vista della elezioni regionali di domenica 24, sono state al centro di una riunione di tutti i questori sardi ad Abbasanta. Bocche cucite al termine del vertice: "E' stata una riunione operativa", è stato l'unico commento del questore di Cagliari Pier Luigi D'Angelo. E' facile ipotizzare un rafforzamento delle misure di sicurezza e controllo ai seggi, ma non solo. Diversi allevatori, infatti, hanno minacciato presidi per non far votare se la vertenza non si dovesse sbloccare per il 24. Il tavolo al ministero dell'Agricoltura è convocato per domani alle 12 con tutti i soggetti coinvolti nella crisi. Ma uno dei Consorzi di tutela, quello del Pecorino sardo, ha già fatto sapere che diserterà l'incontro. "La situazione è ancora di tensione. Pronti a sederci ma in un clima sereno e di dialogo", spiegano i vertici dell'organismo. Al lavoro anche la commissione Agricoltura della Camera, nell'ambito della discussione congiunta di quattro risoluzioni a sostegno del comparto del latte ovicaprino: oggi sono stati ascoltati i principali attori della filiera, a partire dal presidente dimissionario del Consorzio di tutela del pecorino romano.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
    TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

    Video ANSA


    Vai alla rubrica: Pianeta Camere