Regione impugna finanziaria Governo

Rivendicati i 285 mln di accantonamenti dopo sentenza Consulta

La Giunta regionale ha impugnato l'ultima legge di stabilità nazionale. Il motivo è sempre lo stesso: la finanziaria del Governo Conte fissa a carico della Regione la quota di 285 milioni di accantonamenti anche per il 2019, nonostante fin dal 2015 la Corte Costituzionale abbia più volte ribadito che, nel caso delle Regioni a statuto speciale, le quote devono essere stabilite sulla base di intese politiche Stato-Regione. Per lo stesso motivo la Giunta Pigliaru aveva impugnato anche le precedenti manovre nazionali del 2016, 2017 e 2018.

Il nuovo ricorso è anche forte della sentenza dell'11 gennaio con cui la Consulta invita il Governo a trovare un accordo equo in termini di accantonamenti senza esercitare "principi tiranni" per la necessità di salvaguardare le casse nazionali. L'assessore del Bilancio Raffaele Paci aveva annunciato l'impugnazione a più riprese, l'ultima volta due giorni fa quando è arrivata la convocazione del governo per avviare una trattativa sugli accantonamenti per il 25 febbraio, il giorno dopo le elezioni regionali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere