Nasce rete aree protette in Sardegna

Alla Regione la cabina di regia per gestione sostenibile

È nata ufficialmente ad Alghero la Rete delle aree naturali protette della Sardegna. Il protocollo pensato e promosso dall'assessorato regionale dell'Ambiente è stato siglato nella sala conferenze della Fondazione Alghero. Insieme alla Regione, che coordinerà la cabina di regia e la segreteria amministrativa di questo nuovo organismo, hanno sottoscritto l'accordo i due Parchi nazionali presenti nell'isola, quello dell'Asinara e quello di La Maddalena, i quattro parchi regionali e le sei aree marine.

Una attività preparatoria durata mesi, quindi la firma in occasione della prima Conferenza regionale delle aree protette, cui hanno partecipato i presidenti e i direttori di tutti gli enti preposti alla tutela del patrimonio naturale della Sardegna. "Attivare tutte le sinergie possibili nella gestione delle aree protette, con l'auspicio di trovare il giusto equilibrio tra le esigenze di tutela e quelle di valorizzazione del patrimonio ambientale", è la missione che l'assessora dell'Ambiente, Donatella Spano, affida alla Rete.

"Questa è una giornata storica", sottolinea l'esponente della Giunta, ricordando che "quando parliamo di nuovi lavori e nuova imprenditorialità bisogna avere consapevolezza del valore che ha il capitale naturale della Sardegna e di quanto sia incredibilmente aumentata l'attenzione e l'interesse per certi temi". Ai lavori, coordinati dai giornalisti Donatella Bianchi e Marco Gisotti, insieme a numerosi operatori hanno partecipato Maria Carmela Giarratano, della Direzione generale per la Protezione della natura e del mare del Ministero dell'Ambiente, il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, il sindaco di Alghero Mario Bruno e il presidente del Parco naturale regionale di Porto Conte, Gavino Scala.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere