M5s: Mura assenteista? Scoppia polemica

Cappellacci (Fi) ne chiede le dimissioni, il velista si difende

"Non dovrebbe, doveva già" dimettersi. Così il vicepremier, Luigi Di Maio, sul caso del parlamentare cagliaritano Andrea Mura, eletto nelle fila M5s, velista di fama internazionale al centro di polemiche politiche per le assenze alla Camera.

Le sue "sono dichiarazioni che non solo sono inaccettabili, ma bisogna considerare che i parlamentari, incluso io, sono dei privilegiati, hanno un lavoro da privilegiati con uno stipendi da privilegiati. Sono i primi che devono stare chiusi lì dentro, alla Camera e al Senato, a lavorare sulle leggi e sui provvedimenti per migliorare la qualità della vita degli italiani", dice Di Maio a margine dell'assemblea dell'Alleanza delle cooperative. "Quindi quelle considerazioni, spero siano false, non so, in ogni caso legate al livello di assenza dovrebbero indurre il parlamentare Mura a dimettersi".

CAPIGRUPPO M5S, SE VUOL ANDARE A VELA SI DIMETTA.  "Se il deputato del MoVimento 5 Stelle Andrea Mura ritiene di voler continuare a dedicarsi prevalentemente ad altre attività, trascurando il mandato che gli hanno assegnato i cittadini alla Camera, ha una sola via da seguire: quella di presentare le dimissioni da parlamentare". Così in una nota i capigruppo M5S di Camera e Senato Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli sul parlamentare recordman di assenze e velista che in un'intervista ha detto che "l'attività politica non si svolge solo in Parlamento, ma anche su una barca".

"Svolgere il ruolo di parlamentare è un privilegio, un servizio reso al Paese e ai cittadini, peraltro molto ben retribuito. E' un incarico che richiede impegno quotidiano, lavoro, dedizione", scrivono i capigruppo, "il nostro obiettivo è quello di dare soluzioni concrete ai problemi dei cittadini, per farlo c'è bisogno di un impegno costante e attento", concludono.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere