Maltempo:vento,evacuato circo a Cagliari

Nevica nel Nuorese, strade temporaneamente chiuse

Una media di 90 chilometri all'ora nel Cagliaritano con picchi tra i 120 e 130 chilometri a Capo Caccia e Capo Carbonara: la bufera di maestrale continua a sferzare la Sardegna, solo in serata è prevista una attenuazione del fenomeno, secondo le indicazioni dell'ufficio meteo dell'Aeronautica militare di Decimomannu.

Le forti raffiche di vento hanno fatto rovesciare un piccolo velivolo nell'area di parcheggio dello scalo di Cagliari-Elmas, evidentemente mal ancorato dal proprietario nonostante l'allerta della Protezione civile. I vigili del fuoco del distaccamento aeroportuale hanno recuperato e riposizionato l'aereo in maniera corretta.

A Capoterra una violenta folata di vento ha strappato una tettoia che è finita sulla sede stradale, anche in questo caso sul posto sono intervenuti i pompieri che da questa mattina stanno lavorando ininterrottamente per tamponare le emergenze.

Problemi anche per la viabilità. La statale 196 di Villacidro è stata chiusa al traffico all'altezza del chilometro 24,900 per la caduta di un cavo telefonico. Il personale dell'Anas è già al lavoro per gestire la circolazione, con deviazioni al km 22 e al km 27, mentre si è in attesa dell'arrivo della squadra di manutenzione della rete telefonica per il ripristino del cavo danneggiato.

EVACUATO IL CIRCO ORFEI - I responsabili del circo Rinaldo Orfei ieri sera hanno preferito evacuare gli spettatori in via precauzionale a causa del forte vento. Lo spettacolo era previsto per le 21 a Sestu, nell'hinterland del capoluogo. Gli spettatori nonostante la pioggia sono arrivati per godersi le esibizioni. "Erano circa 70 persone - racconta Dario Martini del circo - si sono accomodati nel tendone, noi avevamo controllato le previsioni meteo che prevedevano un rafforzamento del vento dalla mezzanotte, ma le raffiche sono aumentate. Alle 21.45, in via precauzionale, abbiamo preferito far uscire tutti gli spettatori perché il vento stava rinforzando".

TRAGHETTO DIROTTATO - Il forte vento che sta sferzando la Sardegna sta creando difficoltà anche nel nord ovest dell'isola, per fortuna senza gravi danni.
Il traghetto Nuraghes della Tirrenia, in viaggio sulla tratta Genova-Porto Torres e atteso per le 8:30, è stato deviato sul porto di Olbia dove ha poi attraccato.

NEVICA NEL NUORESE - E' in netto miglioramento la situazione della viabilità nella statale 131 all'altezza di Campeda e sulla 389 Nuoro-Lanusei, dove nelle prime ore della mattina si sono registrati forti disagi a causa della neve. A Campeda, dove erano stati bloccati i mezzi pesanti non muniti di dispositivi invernali come catene o gomme termiche, la circolazione è stata ripristinata anche per i mezzi pesanti. Per la statale 389, anche se la situazione è in via di miglioramento, permane l'obbligo di dispositivi invernali dal Km 20 al Km 30 all'altezza del passo Correboi.

Le strade interne dei paesi di montagna sono innevate, così come tanti paesi della Barbagia e del Mandrolisai per cui la Polizia stradale raccomanda l'uso di gomme termiche o catene. "Ci siamo svegliati con le strade imbiancate e un vento fortissimo e gelido che sferza tra le vie - ha scritto su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi - Le strade sono tutte praticabili con gomme termiche o catene ma è meglio essere prudenti. I mezzi comunali sono all'opera con gli spargisale ma la coltre in molti punti è davvero esigua e non consente l'utilizzo delle pale soprattutto nelle viuzze più strette".

Nevica anche a Macomer. "A causa della nevicata improvvisa il Coc è convocato con effetto immediato presso la sala operativa del comune - scrive il sindaco Antonio Succu nel social network - L'accesso all'ospedaletto è garantito ma è richiesta la massima prudenza. Mi sono assicurato che i malati che necessitano di trattamento dialitico siano pervenuti tutti al luogo di cura. Raccomando a tutte le persone che non hanno urgente necessità di evitare di uscire di casa". 

PARCHI CHIUSI A CAGLIARI - Decine di interventi dei vigili del fuoco per i disagi causati dalle forti raffiche di vento nel sud Sardegna. Mentre sono decine le richieste per rami, cornicioni e cartelloni pericolanti in città, particolarmente impegnativo l'intervento a Villaputzu a causa di un albero caduto sulla sede stradale. Sul posto la squadra del distaccamento dei pompieri di San Vito.

Nella caduta, l'albero ha colpito anche alcuni cavi dell'energia elettrica e rotto la recinzione di un terreno privato. Fortunatamente in quel momento non transitava nessuno e non si registrano feriti. I vigili del fuoco stanno lavorando per liberare al più presto la sede stradale.

A Cagliari alcuni rami sono caduti sulle auto in sosta parcheggiate lungo viale Trieste. Le vetture sono state danneggiate. Sono stati chiusi i parchi e i giardini cittadini in via precauzionale. Il Comune ha disposto la chiusura del Parco San Michele, Parco Terramaini, Parco Bonaria, del Giardino sotto le mura, Giardino Giovanni Paolo e dei Giardini Pubblici.

NUBIFRAGIO A SASSARI - Su Sassari e dintorni durante la notte si è abbattuto un forte nubifragio, ma senza gravi conseguenze. Dalle prime ore della mattina i vigili del fuoco e la polizia locale sono impegnati in diversi interventi per mettere in sicurezza alberi pericolanti: uno di questi è stato abbattuto dalle raffiche del vento sulla carreggiata della strada "Buddi Buddi" causando un temporaneo rallentamento del traffico automobilistico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere