La Ciociara rafforza ponte Sardegna-Usa

Nuova produzione Lirico Cagliari per internazionalizzazione

Stati Uniti e Sardegna sempre più vicini nel segno dell'Opera Lirica. La collaborazione e lo scambio si concretizzano stavolta con il debutto cagliaritano in prima europea de "La Ciociara" di Marco Tutino. Si tratta di un nuovo allestimento del Lirico di Cagliari, in coproduzione con la San Francisco Opera. Ispirata al celebre romanzo di Alberto Moravia portato sul grande schermo nel film-capolavoro di De Sica, debutta nel capoluogo sardo il 24 novembre alle 20.30 con repliche fino al 3 dicembre.

Il percorso di internazionalizzazione - promosso da Ue, Governo, Regione e Teatro Lirico - ha preso il via nell'aprile 2016 con "La campana sommersa" di Respighi approdata, dopo Cagliari, alla New York City Opera e proseguito durante tutto l'arco della Stagione musicale 2017. Ora l'asse si rafforza con l'attesissima messa in scena dell'Opera in due atti e che vede nella parte principale Anna Caterina Antonacci, tra le più importanti voci liriche contemporanee.

"Abbiamo sostenuto con grande convinzione l'operazione del Lirico di Cagliari, progetto che punta all'internazionalizzazione e innovazione delle produzioni ma anche alla valorizzazione turistico-culturale degli attrattori territoriali della Sardegna - sottolinea il vicepresidente della Regione Raffaele Paci - Stanziando 4 milioni e 700mila euro abbiamo deciso di completare questo progetto con un doppio obiettivo: favorire la sinergia fra le realtà artistiche della Sardegna, perché facendo rete creino un circuito regionale importante, e rafforzare le collaborazioni internazionali in modo da far conoscere ed esportare le nostre eccellenze.

L'ottimo successo di questa operazione del Teatro Lirico, che è la nostra più grande impresa creativa, dimostra che la direzione è quella giusta. Abbiamo un patrimonio esclusivo, con caratteristiche uniche: le collaborazioni internazionali sono fondamentali per farle conoscere al mondo e la Giunta continuerà con forza a supportarle". Soddisfatto il sovrintendente Claudio Orazi. "Proseguiremo con determinazione su questa strada anche nei prossimi anni - assicura - per rappresentare la musica e l'opera italiana nel mondo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere