Uccise vicino di casa, condanna 14 anni

Nel 2016 sparò al rivale dopo una lite nel cagliaritano

Dopo una lite aveva preso il fucile e sparato, colpendo al petto il rivale. Gianluigi Zuddas, falegname di 57 anni, è stato condannato per omicidio volontario dal Gup del Tribunale di Cagliari Giuseppe Pintore.
La sentenza è arrivata dopo alcune ore di camera di consiglio: 14 anni di reclusione, derivati dall'assenza di premeditazione e dallo sconto di un terzo della pena per la scelta del rito abbreviato.

Il 24 agosto 2016 a Siurgus Donigala Zuddas e Setti, vicini di casa, avevano avuto un diverbio poco dopo le 20. Il secondo, 39 anni, si era presentato davanti all'abitazione del falegname impugnando un bastone e un cacciavite. Era da tempo, secondo quanto appurato dalla Procura, che i due vivevano in tensione. Sta di fatto che dopo aver detto a Setti di allontanarsi, Zuddas ha impugnato il proprio fucile e fatto fuoco, colpendo il rivale che è morto quasi subito. Dopo essersi barricato in casa in attesa dell'arrivo dei carabinieri, il 57enne si era consegnato ai militari di Dolianova.

Al termine del processo con rito abbreviato, l'uomo è stato condannato a 14 anni, due in meno rispetto a quelli chiesti dalla pm Liliana Ledda. Proprio la ricostruzione dell'accaduto ha convinto la pubblica accusa e poi anche il giudice a non applicare la premeditazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere