PdS su vertice P.Chigi, alzare tiro

Capogruppo insoddisfatto, "Governo sordo a nostre richieste"

(ANSA) - CAGLIARI, 10 NOV - "C'era bisogno di questa patetica ammuina per rendersi conto che, a bocca di finanziaria, il nostro interesse a sterilizzare gli accantonamenti cozzasse inevitabilmente con quelli, opposti, del governo di Roma? Ora, essendo abbondantemente certificato che il governo non voglia muovere un passo in più rispetto al consentito, resta da interrogarsi su come interpretare questo momento. Non vedo altre opzioni: o si alza clamorosamente il tiro o si china il capo. Escludo la seconda". E' duro il commento del capogruppo del Partito dei Sardi, Gianfranco Congiu, sull'esito del vertice Pigliaru-Gentiloni.
    "Se gli accantonamenti del 2017 che ci hanno fatto gridare allo scandalo pesavano circa 3.9 miliardi, quelli del 2018 peseranno quasi 5 miliardi e mezzo, con un aggravio per la Sardegna di ulteriori 152 milioni - attacca l'esponente della maggioranza - Cosa dovevamo aspettarci da un governo geneticamente sordo ma che sugli accantonamenti è forte di un recente via libera della Corte costituzionale?". "Cosa ci aspettavamo da chi ritiene di essere nel pieno della legittimità e che, anzi, bolla gli altri come sleali?". Congiu ricorda che "la sentenza 154/2017 della Corte costituzionale ha sancito la legittimità delle norme statali che vincolano i bilanci regionali ad accantonamenti crescenti per il triennio 2017/19 e che ha addirittura bollato come sleali quelle regioni (vedi la Sardegna) che non hanno partecipato né alla discussione nè alla ratifica degli accordi bilaterali con lo Stato. Di fronte ad un quadro così definito cosa potevamo attenderci se non un garbato invito a riprendere la via del rientro?".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere