Cocaina nera,primo sequestro in Sardegna

Olbia, carabinieri arrestano un 27enne al porto

Primo sequestro di cocaina nera in Sardegna. E' stato effettuato ieri dai carabinieri di Olbia che al porto dell'Isola Bianca durante lo sbarco della nave proveniente da Livorno, hanno fermato Stefano Pinna, un cuoco ventisettenne di Monti, con precedenti penali.

L'atteggiamento del giovane ha insospettito i militari, coordinati dal tenente colonnello Alberto Cicognani, che hanno voluto controllare il contenuto dell'unico bagaglio trasportato dal cuoco, uno zainetto in cui erano stati sistemati quattro pacchi per un peso totale di oltre due chili, accuratamente sigillati, contenenti una sostanza molto scura.

Accompagnato in caserma, dove è stato effettuato il narcotest sulla sostanza, i carabinieri hanno dovuto però constatarne l'esito negativo. La sostanza, infatti, non è stata rilevata come stupefacente. Solo successivamente, grazie alla collaborazione della Guardia di finanza di Olbia che ha messo a disposizione i narcotest di ultima generazione in dotazione è emerso il principio attivo. Si tratta di un tipo di cocaina chiamata "nera", ottenuta mescolando particelle magnetiche nere di ferro e potassio tiocianato, un procedimento che permette alla sostanza di cambiare colore e odore e la rende non rintracciabile al fiuto dei cani e, tantomeno, con l'utilizzo dei narcotest di vecchia generazione. Pinna è stato trasferito nel carcere di Bancali con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere