Violenza contro donne,locandine farmacie

Progetto Mimosa, tre giorni di iniziative a Cagliari

Una locandina che indica il più vicino centro antiviolenza, sistemata nelle farmacie, una comunicazione silenziosa e efficace per spingere le donne che si presentano al bancone per cerotti o garze a chiedere protezione. Lo prevede il Progetto Mimosa promosso da Vision (Victimology Support International Observatory and Network) e dal dipartimento Sardegna dell'Associazione nazionale sociologi (Ans). Tre giorni di dibattiti, mostre e letture dal 16 al 18 giugno a Cagliari, tra Search e Exma.

Oggi la presentazione con Claudia Pilloni, responsabile regionale Vision, e Silvia Ameni, dirigente nazionale e presidente in Sardegna di Ans. Momento centrale sarà il convegno coordinato dalla giornalista Carmina Conte dal titolo "La violenza sulle donne": a confronto esperienze e competenze su un tema tragicamente sempre più di stretta attualità. Intervengono tra gli altri Gabriella Murgia, presidente della commissione Pari opportunità della Regione Sardegna, Ferdinando Tramontano, presidente Vision, l'avvocato Leonardo Filippi e Silvana Migoni, presidente di Donne al traguardo.

"L'iniziativa trova il supporto dell'amministrazione comunale, da sempre sensibile ai temi della lotta alla violenza e alle discriminazioni di genere", ha sottolineato l'assessore alle Politiche sociali Ferdinando Secchi che supporta l'evento assieme all'assessorato alle Pari opportunità guidato da Marzia Cilloccu. Da parte loro, le consigliere comunali Anna Puddu (Progressisti sardi) e Monia Matta (Psd'Az) hanno annunciato che sarà presentata in Consiglio una mozione da parte di tutti i gruppi di maggioranza e minoranza che stabilisce le linee di indirizzo per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Pronto Diploma, a Cagliari un metodo innovativo per il recupero degli anni scolastici

Lo studio in classe e gli insegnamenti online permettono di rivolgersi ad un vasto pubblico interessato a conseguire il diploma attraverso il metodo blended learning



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.