Fondi di emigrati sardi per terremotati

Raccolta in memoria della giovane vittima Filippo Sanna

I fondi raccolti dalla Federazione delle Associazioni sarde in Italia (Fasi), in memoria di Filippo Sanna, il ragazzo di origine sarda vittima del tragico terremoto del 24 agosto scorso, saranno devoluti in progetti destinati ai giovani di Amatrice e in borse di studio per il Conservatorio dell'Aquila. Lo ha annunciato Serafina Mascia, presidente nazionale Fasi, a Milano al Teatro Asteria, nel corso della manifestazione di solidarietà "Terre in Moto, Con il Cuore al Centro".

L'assegno di 28mila euro, raccolti sinora, è stato consegnato simbolicamente nelle mani dei genitori di Filippo, il papà Mario e la mamma Stefania Ciriello, presenti alla cerimonia. "Abbiamo rispettato la volontà dei genitori di questo nostro giovane sfortunato - ha detto Mascia - che non hanno voluto niente per sé, ma che hanno creato l'associazione Il sorriso di Filippo, con l'obiettivo di stare vicini ai giovani meritevoli e bisognosi di un aiuto economico.

Un primo progetto riguarda il Conservatorio dell'Aquila con due borse di studio intitolate ad Anna Grossi, una studentessa strappata anch'essa prematuramente alla vita dal terremoto.

Nella progettualità ci saranno una serie di attività culturali e musicali volte a rendere protagonisti i giovani colpiti dal sisma, a ridare loro speranza e fiducia e a contribuire al ripristino della vita sociale di Amatrice, in particolare per la creazione di una biblioteca o di un centro per attività musicali. Un grazie "di cuore" è stato espresso al mondo dell'emigrazione sarda dal sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi.

Oggi i coniugi Sanna, originari di Nuoro, vivono a Rieti e la mamma Stefania continua ad esercitare la sua professione di medico di base, seguendo i suoi pazienti di Amatrice sparsi nei diversi comuni della zona.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Pronto Diploma, a Cagliari un metodo innovativo per il recupero degli anni scolastici

Lo studio in classe e gli insegnamenti online permettono di rivolgersi ad un vasto pubblico interessato a conseguire il diploma attraverso il metodo blended learning



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere