'A casa mia' vince David miglior corto

Regista sardo, bolognese di adozione. Produzione di Bologna

Il cortometraggio "A casa mia" di Mario Piredda vince il David di Donatello come Miglior Film di Cortometraggio: ad assegnarlo la giuria dell'Accademia del Cinema Italiano, per "il severo rigore nelle scelte di regia e sceneggiatura. Una storia non banale che racconta della ricerca di felicità e di un sentimento di speranza destinato ad alimentarsi nel tempo, nonostante le circostanze avverse. Quasi una metafora delle ambizioni del miglior cinema italiano".

Il giovane regista, di origine sarda e bolognese d'adozione, firma un'opera realizzata da una compagine produttiva interamente di Bologna: Articolture in coproduzione con Combo e in collaborazione con Manufactory Productions, anche grazie al sostegno del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo-Direzione Cinema e della Regione Sardegna, con il supporto di Sardinia Ferries. Piredda ha girato "A Casa mia" interamente in Sardegna e in lingua sarda. Sarà visibile a Bologna il 2 marzo a Visioni Italiane.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere