Referendum: Pili,Sardegna senza senatori

Deputato Unidos, modifica Statuto e rischio perdita Specialità

(ANSA) - CAGLIARI, 4 NOV - "Nel nuovo ipotetico Senato non ci saranno i senatori sardi. La clausola di incompatibilità con il mandato parlamentare è una norma costituzionale contenuta nello Statuto sardo e per rimuoverla serve una procedura costituzionale che durerà non meno di un anno. Un cavallo di Troia che farà scattare l'applicazione della riforma e quindi la cancellazione della Specialità autonomistica della Sardegna". Lo denuncia il deputato di Unidos Mauro Pili che ha presentato un'interrogazione urgente al presidente del Consiglio e ha anche trasmesso l'atto al Capo dello Stato e al presidente della Corte Costituzionale.
    Secondo Pili c'è di più: "L'adeguamento della carta autonomistica farà scattare la revisione su tutto il titolo IV e V e le norme sull'accentramento delle competenze allo Stato - dice - si tratta di un fatto grave emerso ieri sera al Senato con la conferma da parte della relatrice della norma che ha parlato di 5 cinque leggi costituzionali per consentire alle Regioni speciali di essere rappresentate".
    Secondo il deputato di Unidos "è la conferma di una riforma non solo nefasta per la norma di supremazia nazionale ma che ora nega anche la rappresentanza della Sardegna e di tutte le regioni a Statuto speciale. Il Capo dello Stato deve intervenire per rispedire alle Camere questo pasticcio perché si configura l'inagibilità di un organo costituzionale come il Senato che non potrebbe mai operare con un plenum gravemente compromesso rispetto alla eventuale modifica costituzionale". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere