Vendita immobile sovrastimato alla Asl 7

Gdf sequestra beni per due milioni di euro, sei gli indagati

Abusando della qualifica di dirigenti della Asl 7 di Carbonia e gestendo ingenti somme di denaro avrebbero favorito alcuni imprenditori nelle procedure di assegnazione di un immobile da destinare a uffici dell'Azienda sanitaria, sovrastimando il prezzo del 30% rispetto al valore di mercato. È quanto hanno accertato i militari delle Fiamme gialle del Nucleo di Polizia tributaria di Cagliari che hanno eseguito un sequestro preventivo di beni per un valore di due milioni di euro. Destinatari del provvedimento due dirigenti della Asl 7 di Carbonia e quattro amministratori di una società che opera in provincia di Cagliari che ha ceduto l'immobile.

Gli indagati devono rispondere tutti di peculato, mentre gli amministratori anche di aver presentato false dichiarazioni per operazioni inesistenti. Il danno all'erario provocato dalla condotta dei due funzionari dell'Asl è stato quantificato in un milione di euro.

La Gdf ha sequestrato vari beni, per un valore di due milioni di euro: un fabbricato, sei terreni e 12 fra conti correnti e titoli. Le indagini delle Fiamme gialle, a cui hanno preso parte anche gli uomini della Sezione di polizia giudiziaria, sono iniziate due anni fa ed hanno portato alla luce i "favori" fatti dai due funzionari agli amministratori della società, sovrastimando il prezzo dell'immobile del 30% e, come hanno spiegato le Fiamme gialle, "conseguendo un indebito arricchimento e cagionando un'ingente danno all'erario".

I militari hanno approfondito gli accertamenti sulla transazione immobiliare anche sotto il profilo fiscale, scoprendo come l'alienazione dell'immobile aveva fatto maturare nella società che l'aveva venduto una ingente plusvalenza che non era stata denunciata, sottraendo alle imposte oltre tre milioni di euro. Gli stessi amministratori della società avrebbero presentato inoltre dichiarazioni fiscali non regolari utilizzando fatture per operazioni inesistenti, queste ultime collegate a una fittizia sponsorizzazione di una società sportiva dilettantistica di Carbonia.

I SEI INDAGATI - Ci sono anche l'ex direttore generale dell'Asl 7 di Carbonia Maurizio Calamida, attualmente al servizio personale dell'ospedale Brotzu di Cagliari, e Carlo Contini, responsabile all'epoca dei fatti del servizio acquisti dell'azienda sanitaria, tra i sei destinatari del sequestro di beni portato a termine dai militari delle Fiamme gialle del Nucleo di Polizia tributaria del capoluogo sardo nell'ambito dell'indagine sulla vendita di un immobile destinato all'Asl di Carbonia il cui valore era stato gonfiato del 30 per cento.

I due dirigenti sono accusati di peculato insieme a Pier Antonio Maria Raga, Sergio Bandiera, Antonia Fadda e Milena Deidda, tutti amministratori della "Sema srl" proprietaria dell'edificio poi venduto all'azienda sanitaria. La compravendita dell'immobile, che già ospitava gli uffici dell'azienda sanitaria locale, è avvenuta nel 2012. Secondo l'accusa lo stabile era stato pagato circa 3,8 milioni più Iva, per un totale di 4,6 milioni. Ma il valore di mercato, pari a 2,8 milioni più Iva, sarebbe stato gonfiato dai dirigenti della Asl. La differenza, circa 970 mila euro, sarebbe finiti nelle tasche dei sei indagati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere