Tuvixeddu: restaurata tomba di Rubellio

A Cagliari la necropoli punica più grande del Mediterraneo

Ora è tutto pronto. Per le visite bisognerà mettersi d'accordo anche con il condominio di un palazzo di viale Sant'Avendrace, ma un pezzo di storia di Cagliari è stato riconsegnato alla città, con il completamento dei lavori di restauro della tomba di Rubellio, monumentale sepolcro del complesso funerario di età romana alle pendici del colle di Tuvixeddu. L'intervento, iniziato nel 2011 e durato circa due anni, è stato finanziato da Arcus S.p.A. (ora incorporata in Ales S.p.A.) per un importo pari a 270 mila euro.

Ha interessato sia il sepolcro fatto realizzare nella prima età imperiale romana da Caio Rubellio per sé e per le sue due mogli, come riportato nell'epigrafe che ne sovrasta l'ingresso, sia le tre tombe ad esso adiacenti. L'obiettivo prefissato era quello di contrastare il degrado del banco roccioso. Si tratta - hanno spiegato esperti e studiosi questa mattina in una conferenza stampa - del primo intervento conservativo di tombe a camera ipogeica nell'area urbana di Cagliari, che ha consentito di mettere a punto le metodologie più adeguate al mantenimento dei calcari locali da adottare anche nei futuri interventi.

"Un lavoro di grande impatto - ha detto il Soprintendente Archeologo Marco Edoardo Minoja durante l'illustrazione dell'intervento insieme all'Università di Cagliari (presente tra gli altri il direttore del Dipartimento di Storia Beni Culturali e Territorio Francesco Atzeni) - anche perché restituisce alla città un sito lasciato per tanto tempo al degrado: veniva usato come casa per i senza tetto. Questo intervento si inserisce in un quadro più ampio che comprende il consolidamento della Grotta della vipera, l'area "spiga e pesci" all'inizio di viale Sant'Avendrace. Tutto questo grazie all'impegno delle amministrazioni interessate".

L'intervento è stato completato nel 2015 con il contributo di 16 mila euro del Comune di Cagliari, che ha consentito di pulire e mettere in sicurezza altri due ambienti funerari attigui, ampliando così il percorso di visita. La necropoli di Tuvixeddu è, inoltre, oggetto di un protocollo d'intesa sottoscritto dalla Soprintendenza Archeologia della Sardegna e dal Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell'Università di Cagliari per attivare un programma congiunto di ricerche, studi e pubblicazioni.

Il progetto avrà una durata di cinque anni, rinnovabile per altri due, e sarà focalizzato sulle ricerche e sugli scavi effettuati sul colle nell'Ottocento e nel Novecento non ancora studiati a fondo e, pertanto, ancora poco noti, con particolare riferimento ai tipi tombali, agli elementi decorativi e simbolici, alle pratiche funerarie, ai corredi e agli arredi funerari della necropoli punica.

DAL MINISTERO 1.5 MLN PER TESORI ARCHEOLOGICI - Buone notizie da Roma per la riscoperta e la conservazione degli antichi tesori dell'isola: arriva un milione e mezzo di euro dal Ministero dei Beni culturali per la Sardegna meridionale. Lo ha annunciato il Soprintendente Archeologo Marco Edoardo Minoja durante l'illustrazione dei lavori di recupero della tomba di Caio Rubellio.

Il primo intervento riguarderà proprio Cagliari, con la necropoli di Tuvixeddu: pronti 250 mila euro. Nell'elenco dei lavoro anche Sant'Antioco e Monte Sirai. Minoja si è soffermato anche sui lavori in corso all'Anfiteatro Romano. "Si sta completando l'asportazione delle strutture - ha detto - adesso ha un'altra faccia: si vede che è un'arena romana di straordinaria bellezza. Siamo, anche grazie alla collaborazione di tutti, in una stagione di attenzione eccezionale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere