Pasqua: 19% dei sardi in agriturismo

Coldiretti, 65% resta a casa e il 13% prenota al ristorante

Con un balzo record del 15% è l'agriturismo a far segnare, tra le tante destinazioni, il maggior incremento delle presenze per le festività di Pasqua con circa 350 mila italiani che vi consumeranno il tradizionale pranzo, per conciliare la buona tavola con la possibilità di stare all'aria aperta.

La stima è dell'associazione Terranostra della Coldiretti che conferma questa tendenza anche in Sardegna dove il 19% delle famiglie ha trascorso le giornate di Pasqua e Pasquetta negli agriturismi del territorio. Il 13% si è recato al ristorante, il 65% è rimasto a casa e il 3% al lavoro. Il desiderio principale dei clienti è quello di trovare un momento di riposo e di soddisfare i propri interessi enogastronomici.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni alimentari con menu a "km 0" risulta essere la qualità più apprezzata dagli amanti degli agriturismi. Il piatto principe delle tavolate sarde è stato l'agnello. E se da una parte si registra una tendenza al minor consumo di carne, dall'altra si nota un'attenzione crescente del consumatore alle certificazioni di qualità e alle origini della carne.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Marco Contemi - GPS Agency

Estate 2017: in aumento la richiesta di servizi di sicurezza privata

Marco Contemi, titolare della G.P.S., Global Private Security Agency: “Vi presento il bodyguard 2.0”


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere