Cagliari, operai Eurallumina in presidio

Attacco a Regione e plauso a Consiglio su svincolo usi civici

(ANSA) - CAGLIARI, 17 MAR - Ad un mese esatto dall'avvio dell'iter di 90 giorni a disposizione di Eurallumina, per le risposte alle integrazioni e per proporre le migliori soluzioni tecniche in funzione dell'autorizzazione per il riavvio dell'impianto, i lavoratori dello stabilimento sono tornati a Cagliari per un presidio davanti all'assessorato regionale dell'Ambiente.

In un manifesto gli operai ipotizzano il licenziamento collettivo dei 357 lavoratori Eurallumina con un fac simile di una lettera a firma dello stesso Assessorato, del Servizio di valutazione ambientale e della gestione commissariale dell'ex Provincia di Carbonia Iglesias.

"Tutti gli accordi, protocolli e contratti, impegni di Governo, Regione ed enti locali conquistati in anni di lotta e sacrifici - hanno scritto - non sono serviti a nulla". Nel contempo i sindacati e gli operai plaudono alla norma, inserita nella Finanziaria 2016, sulla "sclassificazione dei terreni gravati da usi civici nelle aree industriali".

Si tratta di un obiettivo promosso e sollecitato dalla Rsu e dai lavoratori Eurallumina che di fatto svincola aree pertinenti allo stabilimento di produzione di allumina dal condizionamento degli "usi civici", un problema incluso nel pacchetto delle integrazioni emerse dopo la Conferenza dei servizi per la ripresa produttiva della fabbrica di Portovesme.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere