Oristano 12 giorni senza acqua potabile

Attesa per esiti analisi dei campioni prelevati dalla Asl

(ANSA) - ORISTANO, 15 MAR - Ancora emergenza idrica a Oristano città e nelle frazioni di Massama e di Nuraxinieddu. A 12 giorni dalla ordinanza con la quale il sindaco Guido Tendas aveva vietato l'uso per scopi potabili e alimentari dell'acqua erogata dalle condotte di Abbanoa circa 30 mila abitanti devono arrangiarsi con l'acqua minerale acquistata nei supermercati o attingendo, nelle poche ore disponibili, alle autobotti della Protezione civile allertata dall'Amministrazione comunale.

In realtà ci avrebbe dovuto pensare Abbanoa, come ha sottolineato ieri la Asl 5 in una nota, ma le sue autobotti sono fuori uso e gli oristanesi si sono dovuti arrangiare a spese proprie. Ad oggi non si hanno notizie di eventuali interventi disposti da Abbanoa per accelerare il ritorno alla normalità e la speranza è che gli esiti delle analisi sui campioni prelevati dalla Asl 5, fra ieri e oggi, arrivino in tempi brevi e soprattutto che siano positivi.

La non potabilità dell'acqua era stata attribuita da Abbanoa alle abbondanti piogge cadute sui monti di Santulussurgiu dove ci sono le fonti che alimentano la condotta di Oristano e delle frazioni. Si è parlato di alte percentuali di ferro e di alluminio e anche di una carica batterica superiore alla norma, dati di analisi che non sono stati, però, resi noti ai cittadini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Giovanni Degortes - Olbia

“Formazione Point”, il nuovo progetto dello Studio Degortes

La diffusione della conoscenza e la preparazione come risorsa per il mercato del lavoro: dalle PMI agli enti pubblici, la consulenza del lavoro per un mondo globalizzato


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere