Trivelle, competenza passa alla Regione

Approvato emendamento in commissione Ambiente della Camera

(ANSA) - CAGLIARI, 18 OTT - Dopo una lunga maratona che si è conclusa oltre le 5 del mattino, la commissione Ambiente della Camera ha approvato un emendamento al decreto legge “Sblocca Italia”, con il quale si introduce una clausola di salvaguardia per le Regioni a Statuto Speciale in materia di trivellazioni per la ricerca di gas e petrolio in terraferma. Botta e risposta a distanza tra i deputati Mauro Pili (Unidos), che ha rivendicato la paternità dell'emendamento, e Giovanna Sanna (Pd). " La verità dei fatti, e degli atti parlamentari, va ristabilita - dice l'esponente dei democratici - Come è documentato, sono stati respinti i diversi emendamenti presentati da Pili,che ne ha ritirato altri due a seguito dell’approvazione dell'articolo aggiuntivo che ho sottoscritto e che era stato presentato dal collega del gruppo misto, Alfreider". Nell'annunciare comunque per primo la notizia, il deputato di Unidos aveva parlato di golpe di Renzi sventato sottolineando che in Sardegna "il tentativo di includere le perforazioni petrolifere su terraferma tra le competenze dirette del governo è saltato. Maggioranza prima e governo poi hanno dovuto ammettere che le Regioni a statuto speciale non potevano essere incluse nel pacchetto del golpe petrolifero".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere