Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Stili di vita > Da cibo a sesso, la guida per la salute degli universitari

Da cibo a sesso, la guida per la salute degli universitari

Gestire lo stress e fare 2,5 ore attività fisica a settimana

06 settembre, 14:50

Settembre, tempo di ritorno sui libri e nelle aule anche per chi va all'università. E per chi va a vivere fuori casa, magari in appartamenti, collegi o studentati, è bene tenere a mente alcuni consigli per stare bene in salute, a partire dal mangiare sano e fare attività fisica in modo regolare.

A ricordarlo sono i Centers for Disease Control (Cdc) sul loro sito. A livello nutritivo, spiegano i Cdc, è bene farsi un piano, in modo da variare i cibi, evitando quelli alti in calorie e grassi saturi, riducendo la quantità di zuccheri e sale e facendo attenzione alle bibite con calorie extra. Per mantenersi attivi servono almeno 2,5 ore di attività fisica a settimana. In questo modo cala il rischio di problemi al cuore e di sviluppare alcuni tumori. Per fare esercizio non serve per forza andare in palestra, ma si può scegliere di camminare anziché guidare, salire le scale invece di prendere l'ascensore, o allenarsi con un amico.

E' inoltre importante riuscire a gestire lo stress e mantenere l'equilibrio. Per questo è fondamentale dormire abbastanza, almeno 7-8 ore al giorno, evitare droghe e alcol, avere rapporti sociali, prendersi del tempo per se stessi, cercare supporto medico o psicologico se ci si sente depressi o in ansia. Sembra ovvio e scontato, ma visto che il 37% degli stupri sulle donne avviene quanto hanno tra i 18 e 24 anni, i Cdc ricordano agli studenti che il sesso diventa violenza quando è fatto ai danni di qualcuno che non ha dato il suo consenso o non lo ha espresso in modo libero. E invitano a cercare subito aiuto se si è vittima o si conosce qualcuno che ha subito violenza. Chi ha rapporti sessuali dovrebbe farsi il test per le malattie a trasmissione sessuale e l'hiv, in modo da proteggere se stessi e il proprio partner. Va inoltre evitato l'abuso di sostanze come alcol e droga: sotto il loro effetto, concludono i Cdc, si adottano comportamenti più rischiosi in campo sessuale, si può andare incontro a gravidanze indesiderate, malattie, incidenti, violenze e avvelenamento. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA