Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Stili di vita > Incidenti domestici tra prime cause morte bambini

Incidenti domestici tra prime cause morte bambini

Pediatri Sipps, stress e scarsa conoscenza i fattori scatenanti

30 gennaio, 12:26

ROMA - Il bambino di un anno e mezzo morto a Como a causa di una ferita alla gola provocata da una scheggia di vetro, e' solo l'ultimo tragico avvenimento tra le mura domestiche; gli incidenti a casa rappresentano la prima causa di morte e di invalidita' tra i bambini e gli adolescenti. E quanto rileva la Societa' Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps) ricordando che, sulla base dei dati dell'Istituto Superiore di Sanità, sono circa 3,3 milioni gli incidenti domestici che, ogni anno, mettono in pericolo la salute.

E i bambini al di sotto dei 5 anni ''sono la categoria maggiormente a rischio, insieme a donne ed anziani. Una vera e propria 'epidemia silenziosa''' denunciano i pediatri. "A favorire gli incidenti domestici - sottolinea Angelo Milazzo, pediatra e componente della Segreteria regionale SIPPS-Sicilia - sono cause di natura prevalentemente "sociale" quali uno status socio-economico-culturale svantaggiato, problemi psichici e comportamentali e un elevato livello di stress all'interno del nucleo familiare''.

Alla luce di cio', la Sipps ha ha elaborato una lista degli accorgimenti per ridurre i rischi di incidenti domestici, ecco i principali:

- NELLA CAMERETTA controllare l'altezza delle sponde della culla o del lettino; evitare che i bambini, quando dormono, indossino catenelle, braccialetti, ciondoli; non lasciare mai solo un bambino su fasciatoio o su una superficie elevata.

- IN CUCINA girare sempre il manico delle pentole verso il muro e utilizzare i fornelli più interni; non lasciare fiammiferi o accendini incustoditi; non lasciare mai soli i bambini in cucina; conservare in luoghi inaccessibili ai bambini: medicinali, prodotti per la pulizia della casa, detersivi, insetticidi, o altre sostanze potenzialmente nocive; non scambiare mai i contenitori di questi prodotti, ad esempio travasandoli in bottiglie non appropriate, tipo quelle destinate all'acqua minerale, aranciata, ecc.; prestare attenzione agli oggetti taglienti, tipo forbici, coltelli, lamette, vetri, porcellane.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati