Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Vaccini: influenza, in Toscana lieve ripresa tra over 65

Vaccini: influenza, in Toscana lieve ripresa tra over 65

Ma per esperti ancora lontani livelli 10 anni fa

25 luglio, 12:13

ROMA - In Toscana la copertura del vaccino antinfluenzale tra gli over 65 è in leggera ripresa, anche se ci vorrà molto per recuperare il drastico calo degli ultimi anni. Lo affermano gli esperti sulla base dei numeri pubblicati dal ministero della Salute, per cui la regione è al 52,2%.

"In Toscana siamo passati da una copertura del 73% degli over 65 nella stagione 2006/2007, al 52,2% dell'ultima stagione 2015/2016. E nonostante una leggera ripresa rispetto alla stagione precedente, la strada per riportare la copertura a livelli ottimali è ancora lunga - spiega Paolo Bonanni, Professore Ordinario di Igiene, Dipartimento di Scienze della Salute, Università degli Studi di Firenze -. La sanità pubblica dovrebbe lavorare con i medici, gli altri operatori sanitari, le associazioni e i media per promuovere campagne che spieghino i vantaggi della vaccinazione e i rischi associati alla malattia, in particolare tra la popolazione di età superiore ai 65 anni".

Lo scorso anno, in Italia, il ceppo influenzale che ha circolato maggiormente è stato il B (57% dei casi tipizzati), che però colpisce prevalentemente i giovani. Il restante 43% circa ha riguardato il ceppo A, il più diffuso nella fascia over 65 dove può determinare complicazioni respiratore e/o l'aggravarsi di una condizione clinica già compromessa, assai frequente in questa tipologia di pazienti. Da qui l'importanza di seguire il principio di appropriatezza della vaccinazione, ovvero scegliere il vaccino più adatto per ogni paziente, in base allo stato di salute e all'età. "Proprio parlando di appropriatezza - spiega Bonanni - è importante ricordare che il vaccino influenzale adiuvato evoca negli anziani una risposta immunitaria significativamente superiore rispetto ai vaccini convenzionali, consentendo un'adeguata protezione ogni anno. Ciò permette di abbattere del 25% il rischio di ricovero".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA