Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Vaccini: influenza, Emilia Romagna quinta per coperture

Vaccini: influenza, Emilia Romagna quinta per coperture

Ma valori troppo bassi rispetto a quelli ottimali

21 luglio, 16:15
Vaccini: influenza, Emilia Romagna quinta per coperture Vaccini: influenza, Emilia Romagna quinta per coperture

ROMA - L'Emilia Romagna è al quinto posto in termini di tasso di vaccinazione antinfluenzale negli anziani, ma con numeri ancora troppo bassi rispetto a quelli ritenuti ottimali. Lo affermano le cifre sulla stagione 2015-2016 diffuse dal ministero della Salute.
Nella regione si è avuto il 51,9% di adesioni, un valore superiore alla media nazionale, pari al 49,9%, ma ancora lontano dalle percentuali di copertura minime (75%) e ottimali (95%) raccomandate dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale per limitare la circolazione del virus. "La sanità pubblica dovrebbe lavorare con i medici, gli altri operatori sanitari, le associazioni e i media per promuovere campagne che spieghino i vantaggi della vaccinazione e i rischi associati alla malattia, in particolare tra la popolazione di età superiore ai 65 anni - spiega Fausto Francia, Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda USL di Bologna -. L'influenza è riconosciuta come la terza causa di morte in Italia per malattie infettive, dopo AIDS e TBC, e di questi il 90% riguarda proprio soggetti di età superiore ai 65 anni".
Lo scorso anno, in Italia, il ceppo influenzale che ha circolato maggiormente è stato il B (57% dei casi tipizzati), che però colpisce prevalentemente i giovani. Il restante 43% circa ha riguardato il ceppo A, il più diffuso nella fascia over 65 dove può determinare complicazioni respiratore e/o l'aggravarsi di una condizione clinica già compromessa, assai frequente in questa tipologia di pazienti. "Parlando di appropriatezza - continua l'esperto - è importante ricordare che il vaccino influenzale adiuvato evoca negli anziani una risposta immunitaria significativamente superiore rispetto ai vaccini convenzionali, consentendo un'adeguata protezione ogni anno. Ciò permette di abbattere del 25% il rischio di ricovero".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA