Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sclerosi multipla emergenza sociale, una diagnosi ogni 3 ore
Post-it

Sclerosi multipla emergenza sociale, una diagnosi ogni 3 ore

In Italia 110mila colpiti, settimana informazione dal 21 maggio

26 maggio, 11:07
Sclerosi multipla emergenza sociale, una diagnosi ogni 3 ore Sclerosi multipla emergenza sociale, una diagnosi ogni 3 ore

ROMA - Circa 110mila italiani convivono con la sclerosi multipla. Ogni anno si registrano 3400 nuove diagnosi, nella maggioranza dei casi giovani fra i 20 e i 40 anni, una ogni 3 ore. La fotografia è nel Barometro italiano sulla malattia, presentato dall'Aism per la settimana di sensibilizzazione dal 21 al 29 maggio.

"La sclerosi multipla, come emerge chiaramente dal Barometro, è una autentica emergenza sanitaria e sociale - dichiara Angela Martino, Presidente della Conferenza Persone con SM della Associazione Italiana Sclerosi Multipla -. Per rendere concreti i diritti delle persone con sclerosi multipla è urgente intervenire sulle politiche sanitarie rafforzando la garanzia di livelli essenziali per la diagnosi, cura, assistenza; strutturando e valorizzando la rete dei Centri per la presa in carico; sostenendo la ricerca scientifica e sanitaria per un ritorno diretto sulla nostra qualità di vita".

Il costo medio annuo per persona con SM che emerge dall'indagine ammonta a 45.000 euro per un totale di quasi 5 miliardi di euro all'anno in Italia, a cui si aggiungono i costi intangibili stimati come oltre il 40% dei costi totali. Un impatto economico che aumenta al progredire della gravità della patologia: da circa 18.000 euro nelle prime fasi della malattia a 84.000 euro per malati gravissimi. Il 70% di chi ha una disabilità grave riceve aiuto solo dalla famiglia. I costi sanitari a carico del SSN rappresentano il 34% del totale; i costi non sanitari, invece, prevalentemente a carico di persone e famigliari sono il 37% del totale.