Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Un progetto di legge su lingua segni per abbattere barriere

Un progetto di legge su lingua segni per abbattere barriere

Obiettivo promuovere piena integrazione per persone sorde

31 gennaio, 17:24
Un progetto di legge su lingua segni per abbattere barriere Un progetto di legge su lingua segni per abbattere barriere

ROMA - Uguaglianza e libertà di comunicazione, questo chiedono le persone non udenti e questo è l'obiettivo di un disegno di legge, depositato in Parlamento, che prevede il riconoscimento della Lis, o lingua dei segni italiana, al fine di garantire la piena espressione dei diritti di cittadinanza. Per sensibilizzare la classe politica e l'opinione pubblica nei confronti sulla necessità di arrivare ad una rapida approvazione del testo, l'Ente Nazionale Sordi (ENS-Onlus), ha organizzato, presso la Camera dei Deputati, il convegno "Obiettivo Lis, un progetto di legge, un progetto di vita per l'abbattimento delle barriere della comunicazione". Occasione far il punto sulla situazione italiana e sulla normativa europea, l'incontro è stato introdotto dal Vicepresidente della Camera Marina Sereni, e vede la partecipazione di molti parlamentari italiani ed europei, concordi nel sottolineare come, in questa 'battaglia', l'Italia si mostri più di un passo indietro rispetto agli altri Paesi Europei. Dalla difficoltà dei sordi di esprimersi al pronto soccorso o in ospedale, a quella di stabilire relazioni a scuola o all'università, dagli ostacoli a carpire informazioni attraverso la televisione, alla mancata partecipazione al dibattito politico, fino alla possibilità di difendersi in tribunale utilizzando un traduttore della lingua dei segni: tante le forme di discriminazione che assume questo disagio. Per questo, secondo Giuseppe Petrucci, presidente nazionale E.N.S., "riconoscere la lingua dei segni significa abbattere le barriere della comunicazione e dare pari opportunità a tutti scegliere il modo che preferisce per comunicare" ma significa anche "riconoscere pienamente il diritto di uguaglianza di tutti i cittadini" e "garantire loro una vera inclusione sociale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA