Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Vaccini del futuro saranno ‘elisir lunga vita’ per gli anziani

Vaccini del futuro saranno ‘elisir lunga vita’ per gli anziani

17 aprile, 14:45

ROMA, 17 APR - Entro 10-15 anni i vaccini si trasformeranno in 'elisir di lunga vita', capaci di evitare le principali patologie che colpiscono gli anziani. Ne è convinto Rino Rappuoli, responsabile mondiale della ricerca vaccini dell'azienda Novartis, che esporrà la visione in una lecture al World Vaccine Congress che si apre oggi a Washington, alla vigilia della Settimana dell'Immunizzazione indetta dall'Oms. "Nel secolo scorso i vaccini sono stati l'intervento sanitario più efficace - sottolinea Rappuoli - ma in questo secolo potranno fare ancora di più. Oggi la società ha problemi medici nuovi a causa dell'invecchiamento, ma si potrà impedire che si sviluppino le malattie degli anziani. Penso a patologie che diventano pericolose quando il sistema immunitario si indebolisce, come l'influenza, o alle infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, ma anche ai tumori. Molti di questi vaccini sono imminenti, altri arriveranno in 10 -15 anni". Contro i tumori si agirà sia contro i virus che li generano, come l'Hpv sia, per quelli non legati alle infezioni, sfruttando gli antigeni che il cancro rilascia nel sangue: "Si sta pensando a vaccini in grado di stimolare il sistema immunitario contro gli antigeni - spiega l'esperto - le tecnologie per farlo sono in continua evoluzione: fino a 3 anni fa avrei detto che non era possibile, oggi invece sono fiducioso". Oltre ad aumentare le patologie per cui saranno disponibili i vaccini, cambierà il modo di produrli: "Al momento si usano ancora le uova, il metodo introdotto un secolo fa - afferma Rappuoli - noi abbiamo appena registrato un metodo per utilizzare invece colture cellulari. Per capire l'importanza del passaggio si pensi proprio all'influenza: non tutti i ceppi crescono sulle uova, e questo porta al fatto che ogni tre o quattro anni non c'é il ceppo giusto nel vaccino, oppure pur essendoci muta leggermente, rendendo l'immunizzazione inefficace, com'é successo negli Usa quest'anno. Con le colture il problema non si pone".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA