Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l'anno

Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l'anno

Arrivano nuove cure, 3mln gli italiani colpiti

25 novembre, 21:35
Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l'anno Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l'anno

ROMA - Piu' di 4,6 milioni di vittime nel solo 2011, 366 milioni di pazienti accertati piu' quasi 200 milioni che non sanno di avere la malattia, una spesa sanitaria che e' l'11% del totale mondiale. I numeri del diabete parlano di una vera e propria epidemia in corso, destinata a peggiorare a causa degli stili di vita sbagliati al punto che secondo le previsioni nel 2030 i malati saranno 552 milioni.

OLTRE 3,5 MLN ITALIANI COLPITI, NODO COSTI: gli italiani affetti da diabete sono oltre 3,5 mln e ogni anno nel nostro paese 27mila persone muoiono per patologie correlate al diabete.
Secondo le previsioni, nel 2030 i pazienti in Italia saranno oltre 5 mln. Questa 'epidemia' costa al nostro Servizio sanitario nazionale circa 10 mld di euro l'anno: il 7% della spesa e' dato dai farmaci, mentre il resto e' costituito dalla spesa per i ricoveri ospedalieri (68%) e per il trattamento delle complicanze (25%).

IL DIABETE TIPO I GIOVANILE: Il diabete di tipo I porta ad una progressiva distruzione delle cellule pancreatiche che producono insulina. La malattia, con circa 16 nuovi casi per 100mila under-16 l'anno, e' la piu' diffusa tra le malattie croniche pediatriche. Su circa 1,9 mld di bambini e adolescenti tra 0 e 14 anni nel mondo, sarebbero circa 480mila i malati. Il meccanismo che da' origine alla malattia va ricercato in un'anomala reazione del sistema immunitario.

IL DIABETE TIPO II: e' la forma piu' comune e si manifesta in genere dopo i 30-40 anni. La patologia e' legata all'incapacita' delle cellule dell'organismo (in particolare del muscolo e del fegato) di rispondere agli stimoli dell'insulina, portando all'incapacita' di mantenere sotto controllo i valori della glicemia. Il diabete di tipo 2 interessa dall'85 al 95 per cento di tutti i casi, approssimativamente 242 milioni di persone in tutto il mondo. Si ritiene che sia proprio la crescente prevalenza del tipo 2 ad aumentare globalmente il numero di persone con diabete.  Le cause del diabete di tipo II sono ancora ignote ma sono stati identificati alcuni fattori di rischio: la familiarita', lo scarso esercizio fisico, il sovrappeso e l'appartenenza ad alcune etnie. In particolare e' proprio il sovrappeso ad essere responsabile di circa il 90% dei casi. Il 30-50 per cento dei soggetti affetti da diabete di tipo 2 vive ignorando il proprio stato patologico. A causa del ritardo nella prescrizione di adeguate cure e terapie per il diabete a soggetti che presentano livelli glicemici elevati, oltre la meta' delle persone con diabete e' gia' affetta, al momento della diagnosi, da una o piu' complicanze correlate (come ad esempio retinopatia, insufficienza renale, malattia cardiaca o danni al sistema nervoso).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA