Percorso:ANSA > Salute Bambini > Speciali ed Eventi > Gestione del diabete diventa '2.0' con app, cloud e hi-tech

Gestione del diabete diventa '2.0' con app, cloud e hi-tech

Nuove tecnologie semplificano la vita dei pazienti più piccoli

04 ottobre, 14:47
Sonia Toni, diabetologa pediatra dell'ospedale Meyer di Firenze Sonia Toni, diabetologa pediatra dell'ospedale Meyer di Firenze

MILANO - Le vecchie penne per le iniezioni di insulina e i polpastrelli segnati dalle punturine per il controllo glicemico saranno presto solo un lontano ricordo: la gestione del diabete è sempre più '2.0', grazie all'uso di nuovi dispositivi hi-tech, app, 'nuvole informatiche', smartphone e orologi digitali, nuove tecnologie che semplificano la vita dei pazienti dando un maggiore controllo della malattia e una migliore qualità di vita, soprattutto per i più piccoli.

A fare il punto sono gli esperti della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) in occasione dell'incontro ''Tecnologie e bambino: un aiuto per la gestione responsabile del diabete'', organizzato in collaborazione con Roche Diabetes Care a Villa Gallarati Scotti ad Oreno di Vimercate (Monza).

A fare la differenza nella gestione del diabete oggi sono ''i microinfusori di nuova generazione, che erogano insulina in modo intelligente mimando l'attività fisiologica del pancreas'', spiega Sonia Toni, diabetologa pediatra dell'ospedale Meyer di Firenze. ''Questi dispositivi, rimborsati dal Servizio sanitario nazionale, sono ormai usati dal 20% dei giovani diabetici. Grandi quanto un cellulare, permettono di fare meno punture e di usare meno insulina in modo più efficace: nascosti sotto i vestiti, possono essere telecomandati a distanza con il Bluetooth e possono essere facilmente staccati durante l'attività sportiva''. Questa praticità si combina poi con quella offerta dai nuovi dispositivi per il monitoraggio continuo della glicemia, dalle piattaforme online e dalle app che permettono a questi dispositivi di dialogare fra loro comunicando i dati in tempo reale ai genitori e ai medici. ''Ormai posso controllare la glicemia di mia figlia dal display dello smartwatch'', racconta Sabrina Verciglio, mamma di Alice, una bimba di sette anni malata dall'età di 16 mesi. ''Quando un bimbo soffre di diabete, è come se tutta la famiglia fosse malata, ma con le nuove tecnologie la nostra vita è cambiata radicalmente in meglio''. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA