Percorso:ANSA > Salute Bambini > Medicina > Mutazioni Dna aumentano rischio convulsioni dopo vaccino

Mutazioni Dna aumentano rischio convulsioni dopo vaccino

28 ottobre, 14:47
(ANSA) - ROMA, 28 OTT - I bambini portatori di una serie di mutazioni genetiche sono quelli più suscettibili di avere convulsioni febbrili quando viene loro somministrato il vaccino trivalente contro orecchioni, morbillo e rosolia. Lo ha scoperto uno studio dello Staten Serum Institute, un centro ricerche pubblico danese, pubblicato da Nature Genetics, che sottolinea come questo effetto non pregiudica la sicurezza del vaccino che salva oltre un milione di bambini nel mondo ogni anno.

Le convulsioni febbrili, spiegano gli autori, durano da uno a cinque minuti senza lasciare conseguenze sul cervello, e avvengono in un caso ogni mille. La ricerca ha analizzato il Dna di 1200 bimbi che hanno avuto episodi, confrontandolo con quello di quasi 6mila che invece non ne hanno avuti e con 2mila che hanno avuto convulsioni non legate al vaccino. Dal confronto è emerso che il problema è favorito da sei mutazioni genetiche, due delle quali sono coinvolte nella risposta immunitaria ai virus, e sono quindi 'stimolate' direttamente dal vaccino, mentre le altre quattro sono legate al funzionamento dei neuroni, e rendono quindi i bambini genericamente più suscettibili. ''Queste mutazioni - spiegano gli autori - aumentano di quattro volte il rischio di convulsioni nei bambini portatori. Questo studio potrebbe servire a realizzare vaccini ancora più sicuri, anche se il rapporto beneficio è ampiamente positivo, visto che il vaccino salva la vita a un milione di bambini ogni anno''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA