Percorso:ANSA > Salute Bambini > La crescita > Le paure dei bimbi alimentate anche dagli amichetti

Le paure dei bimbi alimentate anche dagli amichetti

Genitori non unici responsabili della trasmissione dei timori

19 gennaio, 10:59
(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Nelle paure dei bambini giocano un ruolo importante anche gli amichetti. Non sono quindi solo i genitori o talvolta i nonni responsabili per quanto riguarda la trasmissione di eventuali timori e ansie nei piccoli, ma anche i loro coetanei. A suggerirlo i risultati di una ricerca dell'Università dell'East Anglia, pubblicata su Behaviour Research and Therapy. Gli studiosi hanno esaminato 242 bambini inglesi, 106 ragazzi e 136 ragazze, di età compresa tra i 7 e i 10 anni, che hanno completato dei questionari tesi a misurare il livello di ansia e le convinzioni sulla paura.

Sono state mostrate loro delle immagini di animali, due marsupiali australiani, che non erano molto familiari. I bambini hanno poi letto due versioni di informazioni sugli animali, una ambigua e una che invece li ha descritti come una minaccia, al termine delle quali sono state valutate da parte dei ricercatori le loro risposte alla paura. Successivamente, sono stati divisi in coppie di amici stretti (40 di ragazzi, 55 di ragazze, e 26 ragazzo-ragazza), hanno discusso i loro sentimenti circa gli animali e loro risposte alla paura sono state misurate di nuovo.

Poi i ricercatori hanno fornito ai bambini delle mappe con gli animali su un sentiero e hanno chiesto loro di indicare il punto in cui avrebbero voluto trovarsi. Più hanno scelto di mettersi distanti dagli animali, più volevano evitarli, sinonimo di paura. Infine sono state date informazioni corrette sui due animali. Dai risultati è emerso che i bambini si influenzavano e tendevano ad avere risposte alla paura simili a quelle degli amici, con i maschi più condizionabili delle femmine.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA