Percorso:ANSA > Salute Bambini > Giochi e Sicurezza > A Natale quali doni per bimbi? No a giochi divisi per genere

A Natale quali doni per bimbi? No a giochi divisi per genere

Generano disparità sviluppo capacità mentali e stereotipi

01 dicembre, 14:36
A Natale quali doni per bimbi? No a giochi divisi per genere A Natale quali doni per bimbi? No a giochi divisi per genere

(ANSA) - ROMA, 1 DIC - A Natale cosa regalate a figli e nipotini? La scelta del gioco potrebbe avere un impatto a lungo termine sullo sviluppo delle capacità del bambino e allinearsi con l'eccessiva diversificazione di genere nel mercato dei giocattoli - dove per le bimbe tutto è rosa e pieno di principesse e per i maschi blu e pieno di supereroi e giochi di ingegno - potrebbe favorire il perpetuarsi di un dislivello educativo e professionale nelle materie scientifiche tra i due sessi.
    E' quanto sostiene la sociologa americana Elizabeth Sweet dell'Università di Sacramento che consiglia: in vista del Natale meglio scegliere giochi che vadano al di là degli stereotipi di genere, a una bambina non devono piacere necessariamente le principesse, a un maschietto non necessariamente costruzioni o macchinine. Nonni e genitori prima di gettarsi negli acquisti natalizi è bene che considerino gli interessi del bambino indipendentemente dal sesso.
    ''Differenti tipologie di giocattolo aiutano i bambini a sviluppare differenti capacità - spiega Sweet - per esempio le costruzioni di certo aiutano lo sviluppo delle capacità spaziali, le bambole quello del linguaggio e delle capacità di accudimento. Tutte queste capacità sono essenziali per una persona completa'', dichiara, indipendentemente se maschio o femmina.
    Quindi limitarsi a offrire alle femminucce giochi da femmina e ai maschietti giochi da maschio non solo può limitare lo sviluppo di determinate capacità nell'uno e nell'altro sesso (empatiche e di cura per lui, scientifiche per lei); ma rinforza anche lo stereotipo che le ragazze non sono brave in matematica e scienza condizionandole nelle loro scelte di studio e carriera.
    Infine Sweet è critica anche verso quelle case produttrici che propongono lo stesso gioco in versione maschile e femminile, ad esempio le costruzioni per bimba sono rosa, i giochi ''di intelligenza'' nella versione 'pink' contengono domande e soggetti al femminile, ad accentuare una diversità che in realtà non esiste.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA