Percorso:ANSA > Salute Bambini > Giochi e Sicurezza > Capriccio o dolore? Il pianto si può'tradurre' con un' App

Capriccio o dolore? Il pianto si può'tradurre' con un' App

La tecnologia aiuta a capire le ragioni delle lacrime

11 gennaio, 13:38
Il pianto si può'tradurre', se la mamma non ci riesce c'è un'App Il pianto si può'tradurre', se la mamma non ci riesce c'è un'App

Uno degli incubi più grandi per i genitori, soprattutto quelli alle 'prime armi', e' vedere il proprio bimbo che piange e non sapere perché. Il piccolo, non esprimendosi a parole, non riesce a spiegare cos'ha, ma per decifrare il perché del suo malessere un aiuto può arrivare dalle app. L'ultima in ordine di tempo, 'Infant cries translator' scaricabile anche in Italia da App Store digitando 'Baby cries translator'(solo per iPhone, dal costo di due euro e 99 centesimi ) e' stata realizzata a Taiwan, al National Taiwan University Hospital Yunlin, e promette, con un database di circa 200mila pianti attribuibili a circa 100 neonati, di capire, dopo una registrazione di 10 secondi, se il pianto del bimbo è dovuto a una delle quattro più comuni cause: necessità del cambio del pannolino, dolore, sonno, fame. Il risultato arriva dopo 15 secondi sul telefono di mamma o papà. "Finora, secondo il feedback degli utenti, l'accuratezza della app può raggiungere il 92 per cento in neonati sotto le due settimane di vita, mentre nei bimbi sotto uno o due mesi arriva fino all'84-85 per cento,e anche a quattro mesi tocca il 77 per cento" spiega Chang Chuan-yu, uno dei ricercatori che l'ha sviluppata. Sopra i sei mesi non c'è molta ragione di utilizzarla secondo quanto viene spiegato, perché il piccolo è più influenzato dall'ambiente che lo circonda. Ci sono anche altre app che è possibile scaricare, con funzioni simili: ad esempio Hungry Baby (per IPhone, gratuita), che aiuta a capire se il pianto del piccolo e' dovuto alla fame e Baby Translator (per IPhone, costo 1,99 euro) che promette appunto di dire ai genitori perché il piccolo piange e si dispera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA