Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > 'Aborto troppo difficile' Consiglio d'Europa contro l'Italia. Lorenzin: 'Stupita, nessuna violazione'

'Aborto troppo difficile' Consiglio d'Europa contro l'Italia. Lorenzin: 'Stupita, nessuna violazione'

Non obiettori discriminati, parere favorevole a ricorso Cgil

11 aprile, 15:30

E' scontro sull'aborto tra il Consiglio d'Europa e il ministro della Salute: il primo ha accolto un ricorso della Cgil, bacchettando l'Italia sulle difficoltà delle donne ad accedere alla pratica dell' aborto nelle strutture pubbliche. "Non c'è alcuna violazione del diritto alla salute", ha invece detto il ministro.

IL PRONUNCIAMENTO DEL CONSIGLIO D'EUROPA
Le donne in Italia - si legge nel promuncumento del Consiglio d'Europa su un ricorso presentato dalla Cgil - continuano a incontrare "notevoli difficoltà" nell'accesso ai servizi d'interruzione di gravidanza, nonostante quanto previsto dalla legge 194 sull'aborto. L'Italia viola quindi il loro diritto alla salute. 
L'Italia, inoltre, discrimina medici e personale medico che non hanno optato per l'obiezione di coscienza in materia di aborto. In merito il Consiglio d'Europa ha accolto un ricorso della Cgil e sostiene che questi sanitari sono vittime di "diversi tipi di svantaggi lavorativi diretti e indiretti". Secondo il comitato dei diritti sociali del Consiglio d'Europa "la Cgil ha fornito un ampio numero di prove che dimostrano come il personale medico non obiettore affronti svantaggi diretti e indiretti, in termini di carico di lavoro, distribuzione degli incarichi, opportunità di carriera". Lo stesso comitato ha osservato che il governo "non ha fornito virtualmente nessuna prova che contraddica quanto sostenuto dal sindacato e non ha dimostrato che la discriminazione non sia diffusa".

A rendere problematico l'accesso all'aborto, secondo Strasburgo, sono tra l'altro una diminuzione sul territorio nazionale del numero di strutture dove si può abortire e la mancata sostituzione del personale medico che garantisce il servizio quando un'operatore è malato, in vacanza o va in pensione.  A individuare i problemi sul tappeto è stato il comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d'Europa nella decisione sul ricorso presentato dalla Cgil contro l'applicazione della legge 194.

Il comitato ha rilevato che le strutture sanitarie "non hanno ancora adottato le misure necessarie per rimediare alle carenze nel servizio causate dal personale che invoca il diritto all'obiezione di coscienza, o hanno adottato misure inadeguate". Questa è la seconda volta che il comitato arriva alla conclusione che l'Italia non sta rispettando quanto stabilito dalla legge 194.

LA POSIZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE
"Mi riservo di approfondire con i miei uffici, ma - ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin - sono molto stupita perché dalle prime cose che ho letto mi sembra si rifacciano a dati vecchi che risalgono al 2013. Il dato di oggi è diverso. Non c'è alcuna violazione del diritto alla salute".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA