Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > Si arruolano gemelli per capire meglio il Parkinson

Si arruolano gemelli per capire meglio il Parkinson

Un modello prezioso per capire la malattia

22 dicembre, 15:35
campagna contro parkinson campagna contro parkinson

Per capire meglio la Malattia del Parkinson, la Fondazione Grigioni ha avviato uno studio sulle coppie di gemelli di cui almeno uno sia affetto da parkinsonismi o sindromi simili. "I gemelli uguali (monozigoti) rappresentano un modello biologico straordinario: da un punto di vista genetico, due gemelli monozigoti sono assolutamente identici.

Anche i gemelli diversi (dizigoti), tuttavia, sono molto preziosi. Capire e studiare le differenze che hanno provocato la Malattia di Parkinson solo in uno di due gemelli (o, in altri casi, in tutti e due) consentirebbe probabilmente di scoprire la cause della malattia", spiegano sul sito Parkinson.it. Si tratta del primo caso in Italia di arruolamento diretto della popolazione.

"Quando uno dei gemelli ha sviluppato la malattia di Parkinson e l'altro no, il paio di gemelli costituisce un prezioso modello di studio unico nel suo genere. Dato che il genoma è lo stesso, le informazioni genetiche per la costruzione delle proteine necessarie per fabbricare i neuroni e tutto il corpo sono gli stessi, ma evidentemente in un gemello c'è qualcosa interferisce con la corretta fabbricazione delle proteine, un fattore che impedisce alla macchina di funzionare correttamente. Questo fattore può essere qualcosa nell'ambiente o nello stile di vita", spiega Carlotta Bolliri, biologa nutrizionista del Centro Parkinson. Lo studio prevede la compilazione di un diario alimentare per una settimana e la donazione di un piccolo campione di feci. È già stato studiato che la modifica della flora batterica intestinale può avere un effetto positivo sulle condizioni generali di salute in alcune malattie croniche, come nei pazienti obesi. E' da 20 anni che la Fondazione Grigioni sponsorizza studi focalizzati sullo studio delle differenze tra chi ha il Parkinson e chi no, nel tentativo di individuare la differenza cruciale all'origine della malattia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA