Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > Consulta, in caso di gravi malattie non è reato selezione embrioni

Consulta, in caso di gravi malattie non è reato selezione embrioni

resta divieto soppressione embrioni

11 novembre, 22:15
PROCREAZIONE: LEGGE 40 PROCREAZIONE: LEGGE 40

Cade il divieto assoluto di selezione degli embrioni senza eccezione: la Corte Costituzionale ha stabilito che non è reato la selezione nei casi in cui sia esclusivamente finalizzata ad evitare l'impianto di embrioni affetti da gravi malattie trasmissibili, e nello specifico le patologie rispondenti ai criteri di gravità previsti dalla legge 194 sull'aborto.



Nel dichiarare che non è reato la selezione degli embrioni finalizzata ad evitare l'impianto di quelli affetti da malattie gravi genetiche trasmissibili, la Corte Costituzionale ha giudicato "non fondata" la questione relativa alla soppressione degli embrioni. La legge 40 vieta e sanziona penalmente tale condotta, anche se riferita agli embrioni che, a seguito di diagnosi preimpianto, risultino affetti da grave malattia genetica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA