Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > Dolcificante in cibi confezionati possibile causa diabete

Dolcificante in cibi confezionati possibile causa diabete

Piu' casi in paesi che ne usano di piu'

27 novembre, 17:51
(ANSA) - ROMA, 27 NOV - Il 'germe' del diabete potrebbe nascondersi nella 'ricetta' di alcuni cibi confezionati (dolciumi, bibite, etc): infatti uno studio mondiale mostra che maggiore e' l'uso del dolcificante a basso costo (sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio - HFCS) nei cibi confezionati venduti in un certo paese, maggiore la percentuale di diabetici in quel paese.

Lo studio, che ha coinvolto 42 nazioni, Italia compresa, e' stato coordinato da Michael Goran della University of Southern California (USC) e pubblicato sulla rivista Global Public Health.

Lo sciroppo di glucosio-fruttosio, il dolcificante ottenuto dall'amido di mais, conosciuto con la sigla HFCS, e' un ingrediente economico aggiunto ai cibi da fast food, nelle bevande gassate, in molti cibi confezionati ed e' 6 volte piu' dolce dello zucchero. Nonostante alcuni paesi abbiano adottato dei limiti alla quota di HFCS ammessa nei cibi, questo dolcificante e' usato tantissimo nei prodotti commerciali. Negli ultimi anni e' stato un susseguirsi di studi che suggeriscono che l'HFCS fa male alla salute, causando obesita', malattie epatiche, diabete.

Gli esperti hanno incrociato dati sulla percentuale di diabetici in un dato paese con la quantita' di HFCS nei cibi commercializzati in quel paese e visto che là dove e' piu' in uso (si stima ad esempio che ogni americano consumi in media 25 chili di HFCS l'anno) la percentuale di diabetici e' il 20% piu' alta a parita' di altri fattori e indipendentemente dal tasso di obesita'. In Italia, in base ai dati di questo studio, il consumo di HFCS e' basso, si aggira intorno a 0,5 chili l'anno procapite.

''Questa ricerca suggerisce che HFCS puo' aumentare il rischio di diabete 2, oggi una delle piu' comuni cause di morte nel mondo'', dichiara Stanley Ulijaszek, co-autore dello studio (University of Oxford).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA