Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Biotestamento: psichiatri, bisogna parlarne non schierarsi

Biotestamento: psichiatri, bisogna parlarne non schierarsi

Anziani no vedono raccolte loro disposizioni,rispettiamo volontà

05 febbraio, 12:38
- Sui temi del "fine vita e della dignità della persona in tutte le fasi bisogna parlarne, non schierarsi". Così il presidente della Societa' italiana di psichiatria (Sip), Claudio Mencacci, interviene sul biotestamento dopo che il nuovo video appello di DJ Fabo per l'eutanasia legale ha finora avuto, col supporto dell'Associazione Luca Coscioni, 1,5 milioni di visualizzazioni su Facebook e 130 mila su YouTube. "Per fortuna - commenta Mencacci - se ne comincia a parlare nelle sedi politiche e altrove. Sono veramente tante le situazioni nelle quali è richiesta attenzione, accoglienza e di restituire dignità alle persone che devono avere il sollievo che qualcuno darà seguito alle proprie disposizioni sul fine vita. Mi riferisco, oltre al caso di Dj Fabo, anche agli anziani che vedono oggi non raccolte le proprie disposizioni. E' una questione di dignità e di rispetto della volontà quando è espressa nel pieno delle facoltà. La società va avanti. Bisogna parlare - sottolinea il presidente degli psichiatri - nella realtà delle esperienze e non negli schieramenti. Sul fine vita invece si va sempre allo scontro ideologico, così da determinare un ulteriore scollamento con la società civile e con il comune sentire".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA